Vagnati: “Non cerchiamo alibi, il Torino cambierà passo”

Queste le parole del dirigente granata: ”Usciremo dalla crisi con Giampaolo”

di Redazione, @forzaroma

Periodo non semplice quello per il Toro, al momento all’ultimo posto in classifica in coabitazione con il Crotone a quota sei punti. Nel pre gara della sfida dell’Olimpico contro la Roma ha parlato il Responsabile dell’Area Tecnica dei granata Davide Vagnati, queste le sue dichiarazioni a Sky Sport:

Ci sono state tante scelte sorprendenti: segnale alla squadra?
Si parla sempre di gruppo, lo abbiamo fatto spesso: la compattezza deve uscire nei momenti di difficoltà. In più ci sono tante partite, ne avremo altre due dopo stasera e abbiamo giocato da poco: devono essere tutti pronti. Oggi il mister ha fatto queste scelte, speriamo che questi ragazzi che si impegnano molto in settimana ci diano belle soddisfazioni.

Venite da un ritiro. Come sta vivendo il momento Giampaolo?
Con grande dispiacere, ma se abbiamo questi punti e questa classifica evidentemente lo meritiamo. Non vogliamo accampare alibi a nessuno, dobbiamo essere determinati e sono convinto che potremo uscirne.

Siamo tutti legati ai risultati. Quanto siete vicini a Giampaolo? Credete in lui e nel suo modo di condurre la squadra?
Il confronto è quotidiano, c’è tutti i giorni: ho grande stima di lui ed è reciproca. E’ un grande uomo e un grande conoscitore di calcio. La formazione la fa lui, non dargli fiducia non sarebbe corretto. C’è coesione, ne usciremo insieme a lui.

Con Sirigu che succede?
Niente, stasera non gioca, è una scelta tecnica. Nessun problema di sorta, il mister sceglie e stasera ha dato fiducia a Milinkovic-Savic, che ha grande potenziale: speriamo ci dia una mano. Speriamo sia la giornata giusta per lui. Cessione o scambio di Sirigu? Non voglio soffermarmi su questo, Salvatore tiene al Torino. Si deve rimanere se si ha voglia di rimanere e si ha voglia di costruire qualcosa qui: ci sono tutti i presupposti. Serve avere interpreti che hanno voglia di restare.

Come hanno preso i giocatori il ritiro?
Se non sono contenti ho toccato il punto giusto. Qualcosa sei doveva fare, abbiamo 6 punti e abbiamo preso 27 gol, non si può restare inermi. Io non credo ai ritiri, ma in certi momenti bisogna responsabilizzarsi e ognuno deve dare qualcosa in più. Gojak? Davanti alla difesa metterei Meité.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy