Ultras contro il decreto sicurezza: “Privare della libertà chi ha già pagato è un vostro reato” – FOTO

Ultras contro il decreto sicurezza: “Privare della libertà chi ha già pagato è un vostro reato” – FOTO

Alcuni tifosi hanno esposto uno striscione in zona Vigne nuove. Sul banco ci sono le novità in materia di lotta alla violenza: chi ha avuto un daspo non può abbonarsi né fare la Roma card

di Redazione, @forzaroma

Prosegue la protesta dei tifosi contro il decreto Sicurezza bis. Le novità introdotte e diventate ufficiali dallo scorso 14 giugno renderebbero infatti impossibile l’acquisto di un abbonamento o della Roma card – necessaria per molte partite in trasferta – per chi ha avuto un daspo (anche se in epoca passata) perché ritenute “agevolazioni”. Nessun problema invece per l’acquisto di un biglietto normale. Nella tarda serata di ieri i tifosi hanno esposto uno striscione in zona Vigne nuove: “Privare della libertà chi ha già pagato è un vostro reato. Ultras liberi”. Secondo i sostenitori giallorossi e alcuni esperti in materia, queste condizioni rappresenterebbero un’altra punizione nei confronti di chi ha già scontato il suo daspo e non può quindi godere della propria riabilitazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy