Ufficiale, il Friedkin Group è il nuovo proprietario della Roma – COMUNICATO

Dan sarà il 25esimo nella storia del club giallorosso, dopo la giornata del closing arrivato negli uffici della DLA Piper

di Redazione, @forzaroma

La Roma passa al Friedkin Group e saluta James Pallotta dopo nove anni di gestione. L’ufficialità è arrivata circa tre ore dopo il termine dell’incontro andato in scena oggi, in videocall, presso gli uffici della DLA Piper, vicino Piazza di Spagna: in totale sono 591 i milioni di euro per il passaggio di proprietà, dopo le firme di Pallotta (da Boston) e Ryan Friedkin (da Londra) trasmesse a Roma, con Dan collegato direttamente da Houston. A capo della nuova era proprio il magnate texano, che a breve rilascerà le sue prime dichiarazioni da presidente della Roma. Già mercoledì, poi, ci sarà il primo vertice di mercato tra Guido Guido Fienga e Ryan Friedkin, per progettare i prossimi movimenti in entrata e in uscita del club giallorosso. Di seguito il comunicato ufficiale.

The Friedkin Group, Inc. (“TFG”), AS Roma SPV LLC (il “Venditore”) e A.S. Roma S.p.A. (il “Club”) annunciano il perfezionamento, in data odierna, dell’acquisizione, da parte di Romulus and Remus Investments LLC (l’“Acquirente”) – una società costituita ai sensi delle leggi del Delaware e designata da TFG ai fini dell’acquisizione – di n. 544.468.535 azioni ordinarie del Club, rappresentative di circa l’86,6% del capitale sociale, di cui una partecipazione diretta del 3,3% del capitale sociale del Club e una partecipazione indiretta dell’83,3% detenuta attraverso la società NEEP Roma Holding S.p.A. (la “Partecipazione di Maggioranza”), unitamente a taluni ulteriori asset, come indicato nel comunicato stampa congiunto rilasciato dalle parti in data 7 agosto 2020 e disponibile su www.asroma.com. In particolare, in esecuzione del contratto preliminare sottoscritto in data 5 agosto 2020, il corrispettivo per l’acquisizione della Partecipazione di Maggioranza pagato dall’Acquirente è pari ad Euro 63.414.047, corrispondente ad un prezzo per azione pari a 0,1165 (il “Prezzo per Azione”).

In conseguenza del perfezionamento dell’acquisizione della Partecipazione di Maggioranza, l’Acquirente è tenuto a lanciare, ai sensi dell’Articolo 106 del D.lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 (il “TUF”), un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria sulle rimanenti azioni ordinarie del Club, pari a n. 84.413.785 azioni ordinarie, rappresentative di circa il 13,4% del capitale sociale del Club (l’“OPA”). Ciascun azionista aderente all’OPA riceverà un corrispettivo in contanti per ciascuna azione pari al Prezzo per Azione (Euro 0,1165 per azione).

Per maggiori informazioni in merito all’OPA, si rimanda alla comunicazione resa ai sensi dell’art. 102, comma 1, del TUF che verrà contestualmente comunicata alla Consob e al Club e messa a disposizione del pubblico in data odierna sul sito internet del Club (www.asroma.com).

Ai sensi di talune previsioni del contratto preliminare, pubblicate dalle parti ai sensi dell’art. 122 del TUF, in data odierna il Consiglio di Amministrazione del Club:

(i) ha ricevuto le dimissioni degli amministratori, come illustrato in dettaglio nella citata informativa ai sensi dell’art. 122 del TUF, incluse le dimissioni dei seguenti amministratori aventi efficacia dalla data odierna: James J. Pallotta, Charlotte Beers (indipendente), Richard D’Amore, Gregory Martin, Paul Edgerly, Cameron Neely (indipendente) and Barry Sternlicht. Tali amministratori non detengono azioni nel Club e non sono stati beneficiari di indennità di fine rapporto in connessione con tali dimissioni;
(ii) ha nominato, in data odierna, per cooptazione i seguenti nuovi amministratori: Dan Friedkin (Presidente), Ryan Friedkin, Marc Watts, Eric Williamson, e Ana Dunkel, che non detengono azioni del Club (fermo restando che Dan Friedkin controlla l’Acquirente);
(iii) ha nominato il nuovo Comitato Esecutivo composto da Dan Friedkin (Presidente), Ryan Friedkin, Guido Fienga, Marc Watts e Eric Williamson, e (iv) Guido Fienga manterrà la carica di amministratore delegato della AS Roma.

Verrà convocata non appena possibile un’assemblea degli azionisti del Club al fine di nominare l’intero nuovo Consiglio di Amministrazione ai sensi delle applicabili disposizioni di legge e di statuto, come illustrato nella informativa pubblicata dalle parti ai sensi dell’art. 122 del TUF. Il Collegio Sindacale del Club resterà in carica sino alla naturale scadenza del relativo mandato.

FINALITÀ DELL’OFFERTA – Nella comunicazione della Romulus and Remus Investments riguardante l’offerta pubblica di acquisto, sono state menzionate al quarto punto le finalità dell’offerta. Questo il passaggio completo:

L’obbligo dell’Offerente di promuovere l’Offerta è sorto a seguito del perfezionamento dell’Acquisto. Qualora ricorressero le condizioni di seguito riportate, le azioni ordinarie dell’Emittente sarebbero revocate dalle negoziazioni sul MTA (il “Delisting”) e, a seconda delle circostanze, l’Offerente potrebbe venire a detenere l’intero capitale sociale dell’Emittente. A seguito del perfezionamento dell’Offerta, l’Offerente intende perseguire, tra l’altro, i seguenti obiettivi:
(i) allestire una squadra in grado di competere per le prime posizioni nel campionato
nazionale e nelle competizioni internazionali;
(ii) introdurre una strategia disciplinata in relazione all’acquisto, sviluppo e cessione dei calciatori al fine di assicurare la solidità finanziaria a lungo termine del club;
(iii) continuare a rafforzare la percezione e la visibilità internazionale del brand AS Roma,
(iv) valutare tutte le opzioni praticabili in relazione alla costruzione del nuovo stadio;
(v) espandere la relazione con i tifosi del club a livello mondiale, offrendo opportunità di coinvolgimento e interazione con il club sempre maggiori, anche attraverso l’utilizzo di canali digitali;
(vi) lavorare con i proprietari degli altri clubs della Serie A ed Europei, nonché con gli organi di governo calcistico, al fine di massimizzare l’attrattività globale e il valore della Serie A e delle competizioni internazionali.

Inoltre, a seguito del closing l’Offerente intende far fronte alle esigenze finanziarie dell’Emittente
secondo la tempistica finale e l’ammontare dell’Aumento di Capitale dell’Emittente, che saranno
finalizzati dopo il perfezionamento dell’Offerta. L’Offerente libererà la quota di propria pertinenza dell’Aumento di Capitale convertendo i finanziamenti soci già erogati da NEEP in favore dell’Emittente al fine di anticipare la propria quota di sottoscrizione dell’Aumento di Capitale.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy