Tutte le volte che… Dal Dundee al Colonia, ecco le rimonte europee della Roma

Contro lo Shakhtar i giallorossi hanno un solo risultato, la vittoria. Ma in passato, spinta dall’Olimpico, la Roma è riuscita a cambiare il suo destino

di Valerio Salviani

NON PASSA LO STRANIERO

A pochi mesi dalla conquista del Mondiale dell’82, in Coppa Uefa è ancora Italia-Germania. La Roma negli ottavi di finale sfida il Colonia, che ai tempi era tra le squadre più forti nel panorama europeo. I giallorossi, nell’anno che li vedrà vincere lo storico secondo scudetto della loro storia, comandavano in Italia e volevano farsi ricordare anche oltre il confine. In Germania il Colonia vince 1-0, ma al ritorno l’Olimpico è una bolgia. In Sud campeggia lo striscione gigante “Non passa lo straniero”, in campo è una battaglia. La Roma spinge ma nel primo tempo non riesce a segnare. Nel secondo la trama non cambia e a sbloccare il risultato ci pensa Iorio di testa. Quando i supplementari sembrano arrivati ecco Falcao, che a 1 minuto dalla fine raccoglie in area un calcio d’angolo che scarica in porta con un destro imprendibile. Corsa sotto la Sud e qualificazione. E che te lo dico a fare…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy