Tommasi: “Gli alti e bassi di Roma sono molto difficili da gestire”

L’ex giallorosso: “Si rischia di lasciare sul terreno grandi giocatori”. E sulla partita di domani: “La squadra di Fonseca ci arriverà con un’adrenalina più alta”

di Redazione, @forzaroma

Doppio ex di Roma e Verona, il campione d’Italia 2000-01 Damiano Tommasi è intervenuto a Salotto Gialloblù, programma d’approfondimento curato dal club scaligero. Questo il suo pensiero sul match in programma domani alle 20.45: “Le due squadre arrivano entrambe cariche alla partita. Il Verona ci arriva in maniera positiva. La Roma pure, ma con l’adrenalina a livelli superiori per le tensioni dello spogliatoio, poi staremo a vedere come si concluderà la vicenda Dzeko. Sarà una partita particolare anche per Kumbulla, ex della sfida“.

Spazio anche per i ricordi: “A Roma l’impatto non è stato semplice. Nei primi mesi andava tutto a gonfie vele, poi per un paio d’anni le difficoltà sono state tante, sia per me che per la squadra. Gli alti e bassi di Roma sono molto difficili da gestire e spesso rischiano di lasciare sul terreno grandi giocatori. Lo scudetto arrivò anche grazie all’impostazione che venne data alla squadra e ai campioni che c’erano. Ricordo che nell’anno dello scudetto ho giocato tutte le partite: essere sempre a disposizione mi ha permesso di partecipare anche al Mondiale 2002, dove avevamo forse la nazionale più forte degli ultimi vent’anni, con Totti, Montella, Inzaghi, Cannavaro, Nesta e Buffon“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy