Tarantino: “La missione della Roma è lanciare giovani. Dobbiamo sfruttare il territorio”

Parla il responsabile del settore giovanile giallorosso: “Abbiamo un progetto chiaro in testa, partendo dai giovani locali, poi si passa anche ai giocatori esteri”

di Redazione, @forzaroma

La Roma Primavera ha sfidato il Torino al Tre Fontane per cercare il riscatto in campionato dopo l’ultima sconfitta. Al termine del primo tempo, ai microfoni di Rai Sport, ha parlato il responsabile del settore giovanile Tarantino. Queste le sue parole:

“Le squadre stanno disputando un bel match. Vediamo la ripresa. Noi siamo contenti del percorso dei ragazzi. Campionato complicato, nuovo e molto bello. Lavoriamo ogni giorno per far giocare molti giovani. Ci fa piacere di poter dare loro la possibilità di lavorare in Primavera. La Roma vuole lanciare i giovani perché è la sua missione. Lavora bene con tutti i ragazzi del settore giovanile, poi ognuno ha la propria squadra. Noi siamo molto contenti. Tornare indietro non ha senso, noi possiamo lavorare al meglio per tutto il sistema calcio italiano. Penso sia un dovere nazionale.”

Avvantaggiati dal grande bacino?
Roma è talmente grande che ne traiamo vantaggio, per questo la Roma ha il dovere di sfruttare il territorio. Lo facciamo con un progetto chiaro in testa, partendo dai giovani locali, poi si passa anche ai giocatori esteri.

Tanti stranieri nelle Primavera?
Io non posso sapere i processi decisionali degli altri. La Roma ha accesso a tutto quello che c’è in casa, è il nostro obiettivo. La Roma lo ha fatto bene e speriamo di farlo anche meglio.

Perché fuori dal torneo di Viareggio?
Se fossimo andati avanti in Youth League avremmo avuto problemi di calendario.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 3 anni fa

    Ben detto. La Roma non ha altre alternative che non ricorrere e formare giovani calciatori per poi, presto, rivenderli! Con grande sollievo della dirigenza.
    Quindi, dimentichiamoci tentativi di scudetto o altro. Cerchiamo solo un buon piazzamento nelle future classifiche, con preferenza di concorrere in un qualsivoglia torneo europeo. Così parlò Zaratustra, mi scusino, Pallotta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy