Stadio della Roma, Giachetti: “Il M5S ha mandato all’aria il progetto”

L’ex candidato sindaco si è concentrato anche sul campo: “Serve un miracolo di Ranieri per la Champions”

di Redazione, @forzaroma

L’attuale deputato PD e noto tifoso romanista Roberto Giachetti è tornato a parlare della Roma e della questione Stadio tramite i microfoni di Radio Cusano Campus. Al centro dell’intervento dell’ex candidato sindaco della Capitale ci sono state le ultime novità riguardanti l’iter burocratico per la costruzione del nuovo impianto giallorosso, ma anche le osservazioni calcistiche sul finale di stagione. Queste le sue parole.

Sono avvelenato che per lo stadio della Roma non sia stata messa ancora la prima pietra. Era un progetto approvato, che aveva fatto tutti i passaggi amministrativi necessari, era pronto per partire. Ancora una volta la furia ideologica degli incapaci del M5S ha buttato all’aria un progetto che avrebbe consentito davvero di mettere la prima pietra. Ne ha prodotto un altro che non si tiene in piedi, è viziato da parecchi filoni che riguardano questioni giudiziarie che hanno fatto seguito al cambiamento del progetto iniziale. Questa storia della prima pietra va avanti da tre anni, ho sempre detto che questa prima pietra non si sarebbe mai messa. Sono stato facile profeta”.

Come vede la Roma nella corsa alla Champions?
La Roma deve arrivare in Champions League. Io sabato sarò allo stadio in tribuna Tevere a tifare come sempre. Dopo Di Francesco, Claudio Ranieri era la persona giusta per traghettare la Roma fino a quest’obiettivo. Io ho molta stima di Ranieri ma è chiaro che non si fanno i miracoli a fine campionato, speriamo comunque di riuscirci”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Un tifoso - 1 anno fa

    Il progetto di Marino è stato bocciato in conferenza dei servizi e senza l’invenzione dei grillini lo stadio sarebbe morto da tempo. Certo un milione di mc fa girare i soldi meglio di 500.000mc ma non è un motivo sufficiente per valutare quale dei due progetti sia il migliore.
    Fino a quando non verrà chiarito perché Marino è stato fatto fuori (forse perché voleva ballare da solo?) il PD non avrà nessuna credibilità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy