Stadio Roma, Gasparri: “Con questa amministrazione non si farà mai”

Stadio Roma, Gasparri: “Con questa amministrazione non si farà mai”

Il senatore si è espresso anche sulla corsa Champions: “Dobbiamo vincere tutte le gare restanti”

di Redazione, @forzaroma

Sulle frequenze di Radio Cusano Campus è intervenuto il senatore di Forza Italia e noto tifoso romanista Maurizio Gasparri. Al centro del discorso la solita questione riguardante il nuovo Stadio della Roma, ma anche le novità sulle voci relative alla cessione del club a un fondo del Qatar. Queste le sue parole:

Sul progetto dello stadio della Roma
Difficile farlo in questa città, perché i limiti e le incapacità sono numerosi. Con questa Amministrazione temo non si farà mai e resterà un obiettivo di difficile realizzazione visto il degrado anche della vita politica e istituzionale della Capitale. Lo stadio è importante, ma non mi pare la prima urgenza per la città, vista la sporcizia, l’abbandono, le buche. In questo momento non verrà messo il primo mattone di nessuno stadio. E se spostiamo l’attenzione sulla società bisogna dire che la Roma esiste a prescindere dall’impianto. Anzi, mi pare che nella Roma in troppi pensino solamente a questo”.

Sulla squadra e il progetto 
Lo stadio è importante se c’è un progetto economico, ma io vorrei anche una proprietà più ancorata al territorio. Mi rendo conto di essere un romantico e un nostalgico. Oggi il calcio cammina per altre strade ma ci vorrebbe anche una proprietà che avesse un’idea della Roma a Roma e della Roma proiettata fuori alla città. La Roma ha un presidente assente”.

Sulle voci di una cessione del club agli sceicchi del Qatar
Siccome sono un politico e non un tifoso di calcio so bene come il Qatar, che fa molti investimenti nel nostro paese, sia uno stato che non ha le carte in regola. E’ considerato un luogo che tollera i fondamentalisti e finanzia le moschee più radicali nel mondo. Se ci fosse un altro investitore immune da polemiche sarebbe meglio”.

Sulla corsa alla Champions League
Noi dobbiamo vincere le gare restanti, dipende tutto da questo. Torino e Atalanta hanno imbroccato una strada positiva, stasera dobbiamo sperare che la Juve batta il Torino. La Juventus mi pare un po’ scarica, lo scudetto lo ha vinto, la Champions l’ha persa per la cinquantesima volta. Mentre il Torino è motivato i bianconeri sono in una fase, e lo capisco, in cui l’obiettivo principale lo hanno fallito e lo scudetto lo hanno vinto per l’ottavo anno di fila. Ormai non ci fanno più caso”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy