Stadio della Roma, Magliaro: “Non è stato tirato fuori alcun documento sulla riduzione delle cubature”

Il giornalista esperto del progetto di Tor di Valle ha commentato ciò che è venuto fuori dalla Conferenza dei servizi: “Oggi è successo poco o niente”

di Redazione, @forzaroma

Il giornalista del Tempo Fernando Magliaro è intervenuto ai microfoni di Rete Sport e ha parlato dell’ultima Conferenza dei Servizi sul progetto dello Stadio della Roma. Queste le sue parole:

Oggi è successo poco o niente, ci si aspettava che il Campidoglio tirasse fuori l’asso dalla manica. Invece sono uscite le solite schermaglie, in buona sostanza il progetto di prolungare la Metro B tanto caro a Marino verrà accantonato. Ci si sta orientando sul rifacimento della Roma-Lido. Non è stato tirato fuori alcun documento sulla riduzione delle cubature. L’assessore all’urbanistica dovrà prendere atto che serve una nuova delibera, ma siamo ormai fuori tempo massimo. Fino a che non ci sono atti scritti e mancano i timbri, con la Pubblica Amministrazione bisogna rimanere cauti. Il cronoprogramma prevede un iter specifico per la variante urbanistica che dovrebbe partire tra sei giorni“.

“L’iter è complesso – prosegue Magliaro – . La variante urbanistica è la fine di un procedimento, è il frutto di un lavoro che sta a monte. Nella prossima riunione ci si può aspettare di tutto. Non credo che l’assessore Berdini potrà entrare in giunta con una delibera che stravolga tutto quanto. Nessuno sta scrivendo il testo di nessuna variante. O Berdini la sta scrivendo da solo o si presenterà la stessa variante che avrebbe presentato Marino, allora tutte le chiacchiere saranno valse zero. C’è anche la possibilità, più remota, che alla prossima riunione la giunta si presenti senza nulla in mano, allora si aspetterebbe il 6 marzo per presentare tutto il programma completo alla perfezione”.

“L’interesse pubblico è stato dichiarato affinché quelle opere venissero costruite. L’aspetto economico di queste opere è pari a 200 milioni di euro. La Regione ha già 280 milioni, stanziati dal governo e sono diventati liquidi per sistemare la Roma-Lido la scorsa settimana. Non bastano però, perché la Regione Lazio aveva valutato in quasi 400 milioni il costo per la sola infrastruttura ferroviaria tali da poter reggere il traffico a livello di metropolitana. I soldi che ha la Regione sono a malapena sufficienti per la ristrutturazione della Roma-Lido”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy