Smalling, il recupero è ancora lontano: Fonseca cerca nuovi leader in difesa

I giallorossi dovranno fare a meno del centrale inglese probabilmente per altre due settimane

di Redazione, @forzaroma

Il ritorno di Chris Smalling per ora è lontano. Il difensore inglese negli ultimi giorni (oggi riposo per la squadra) si è allenato a parte dopo la lesione al flessore della coscia sinistra. Un infortunio che sembra non dargli tregua e che lo terrà fuori dai titolari più di quanto immaginava. Da inizio stagione è stato fermo già tra fine novembre e la metà di dicembre per un fastidio al ginocchio, lo stesso che lo aveva fermato a ottobre e che di fatto non gli sta dando tregua da inizio stagione. Sarebbe dovuto essere lui il leader della difesa di Fonseca, che invece dovrà farne a meno per le prossime partite.

Non ci sarà con l’Udinese, non ci sarà in Europa League e probabilmente neanche col Benevento. La speranza è di riaverlo per la gara di ritorno contro il Braga (in programma il 25 febbraio), ma certezze non ce ne sono. Nessuno vuole correre rischi per non rischiare altre ricadute: lui e la Roma vogliono risolvere il problema una volta per tutte.

Senza Smalling, Fonseca dovrà trovare la leadership negli altri centrali: lo fa per doti anche caratteriali Gianluca Mancini, che ha preso in mano il ruolo di guida dei compagni, mentre sono meno predisposti Ibanez e Kumbulla che ultimamente hanno avuto più di qualche problema. Con l’abbondanza dei trequartisti, potrebbe tornare sulla linea dei difensori anche Cristante.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy