Seconda parte di stagione: Roma in crescita, calo Lazio, crollo Udinese

di Redazione, @forzaroma

(di Alessio Nardo) Ventotto giornate di campionato alle spalle, altre dieci (le ultime) da vivere intensamente.

La volata finale è alle porte, con quel terzo posto alla portata di “tutti”, ma che il 15 maggio prossimo avrà un solo, definitivo padrone. Noi, com’è ovvio che sia, confidiamo nella Roma, e i numeri di questa seconda parte di stagione ci offrono un minimo di conforto.

Abbiamo deciso di analizzare quello che è stato fin qui il cammino delle prime otto in classifica: Milan, Juventus, Lazio, Napoli, Udinese, Roma, Inter e Catania, spaccando il campionato a metà: prime quattordici giornate e “seconde”, contemplando il primo turno (disputatosi il 21 dicembre, tra il sedicesimo e il diciassettesimo) nel secondo blocco. Partiamo dai campioni d’Italia in carica, autorevoli primatisti in classifica. Il Milan, così come la Juve, mantiene un andamento costante: terzo alle spalle di Juve e Udinese dopo le prime quattordici partite (dunque, dal 2° al 15° turno) con 28 punti, primo nelle successive 14 con 32 punti conquistati (su 42 disponibili). La Vecchia Signora cala leggermente, e dalla 15° giornata in poi totalizza gli stessi punti di Roma e Napoli (26). I giallorossi di Luis Enrique effettuano una chiara inversione di tendenza, passando dai miseri 18 punti del primo segmento di campionato ai 26 del secondo. In crescendo anche il rendimento del Catania di Montella (18 punti prima, 23 poi), regolare tendente al mediocre la media dell’Inter (20 e 21, 41 totali), piuttosto evidente la flessione della Lazio (a -2 dalla vetta a dicembre, oggi a -12). Praticamente un crollo quello dell’Udinese, capolista in compagnia della Juventus dopo quattordici giornate (a quota 30). Solo 17 i punti conseguiti nella seconda metà (media di 1,2 a partita).

Dunque, analizzando questi dati (sempre in chiave 3° posto) Roma e Napoli appaiono in ascesa, Lazio e Udinese in declino. E ciò è confermato anche dalla virtuale classifica di quest’inizio di 2012: il Milan resta ben saldo in testa (26 punti), il Napoli si piazza addirittura al secondo posto (23 punti) davanti alla Juve (22). E la Roma? Quarta a quota 20, seguita ad una lunghezza dal Catania (19). Più staccate Lazio (17), Inter (15) ed Udinese (15). I friulani risultano fanalini di coda anche nella miniclassifica di marzo: due punti ottenuti in tre partite. Il Milan fa en plein (9), Catania e Napoli appena dietro (7 punti), la Roma ne porta a casa sei e fa meglio delle “imbattute” Juventus (5) e Inter (5) e persino della Lazio (3), nonostante il derby perso.

60.MILAN – Dalla 1° alla 14° (28 punti), dalla 15° alla 28° (32 punti), nel 2012 (26 punti), nell’ultimo mese (9 punti)
56.JUVENTUS – Dalla 1° alla 14° (30 punti), dalla 15° alla 28° (26 punti), nel 2012 (22 punti), nell’ultimo mese (5 punti)
48.LAZIO – Dalla 1° alla 14° (28 punti), dalla 15° alla 28° (20 punti), nel 2012 (18 punti), nell’ultimo mese (3 punti)
47.NAPOLI – Dalla 1° alla 14° (21 punti), dalla 15° alla 28° (26 punti), nel 2012 (23 punti), nell’ultimo mese (7 punti)
47.UDINESE – Dalla 1° alla 14° (30 punti), dalla 15° alla 28° (17 punti), nel 2012 (15 punti), nell’ultimo mese (2 punti)
44.ROMA – Dalla 1° alla 14° (18 punti), dalla 15° alla 28° (26 punti), nel 2012 (20 punti), nell’ultimo mese (6 punti)
41.INTER – Dalla 1° alla 14° (20 punti), dalla 15° alla 28° (21 punti), nel 2012 (15 punti), nell’ultimo mese (5 punti)
41.CATANIA – Dalla 1° alla 14° (18 punti), dalla 15° alla 28° (23 punti), nel 2012 (19 punti), nell’ultimo mese (7 punti)

PUNTI PRIME 14 GIORNATE: 30.Juventus 30.Udinese 28.Milan 28.Lazio 21.Napoli 20.Inter 18.Roma 18.Catania
PUNTI DALLA 15° ALLA 28°: 32.Milan 26.Juventus 26.Napoli 26.Roma 23.Catania 21.Inter 20.Lazio 17.Udinese
PUNTI OTTENUTI NEL 2012:
26.Milan 23.Napoli 22.Juventus 20.Roma 19.Catania 18.Lazio 15.Inter 15.Udinese
PUNTI OTTENUTI A MARZO: 9.Milan 7.Catania 7.Napoli 6.Roma 5.Juventus 5.Inter 3.Lazio 2.Udinese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy