Schick, che rimpianto gli errori alla Roma: “Stavo male e non avevo pazienza, ma ora ho imparato”

Il ceco: “Volevo dimostrare le mie qualità, ma dopo gli infortuni invece di migliorare tutto andava peggio”

di Redazione, @forzaroma

Patrik Schick è il più grande rimpianto della storia recente della Roma. L’attaccante ceco ha ancora il primato di giocatore più pagato della storia romanista, ma a Trigoria non è mai riuscito a mostrare il suo potenziale. Colpa degli infortuni, secondo lui. Queste le sue parole al Ceske Noviny: “Il calcio è fatto di decisioni. Sono arrivato a Roma per una grossa somma e volevo convincere tutti delle mie qualità. Ma poi mi sono infortunato e invece di riprendermi completamente, ho sofferto per mesi e tutto andava peggiorando. Ho fatto un errore, avrei dovuto avere più pazienza. Ho imparato da quell’errore. Gli infortuni non mi rendono più nervoso e non tornerò più in campo finché non mi sentirò pronto al 100 percento. È meglio per tutti”.

L’avvio con il Leverkusen è stato rallentato proprio dagli infortuni: “Ma sono sicuro di aver fatto la scelta giusta. Spero di restare qui per molto tempo visto che negli ultimi anni mi sono trasferito quasi ogni stagione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy