Sarri: “Con la Roma ci sarà da soffrire. Dzeko difficile da sostituire”

Queste le parole del tecnico bianconero: “I giallorossi hanno fatto più punti in trasferta che in casa, sono una squadra di ottimo livello”

di Redazione, @forzaroma

Giornata di vigilia anche per la Juventus, che si sta preparando nel quartier generale della Continassa per il match di domani sera allo Stadium contro la Roma (20.45). Per presentare la sfida valevole per i quarti di finale di Coppa Italia è intervenuto in conferenza stampa Maurizio Sarri. Queste le parole del tecnico bianconero:

Che partita si aspetta?
“Basta vedere i risultati che la Roma sta facendo in trasferta. Difficile, ha fatto più punti in trasferta che in casa. Squadra di ottimo livello che può renderci la gara molto complicata”.

Riproponibile il tridente con Douglas Costa?
“Penso di sì. L’importante è trovare ordine in campo. Riuscire a rimanere equilibrati con tanti giocatori offensivi. Qualcosa dobbiamo inventarci, oggi abbiamo fatto un allenamento intermedio. Domattina vediamo e decidiamo, ora non ho deciso niente né chi gioca né il modulo”.

Come stanno Cuadrado e Alex Sandro?
“Cuadrado era sfebbrato ma lo abbiamo tenuto in palestra. Alex Sandro non ha nulla di grave ma è da valutare, penso sia recuperabile”.

Come mai ha invertito Bonucci e De Ligt rispetto all’inizio?
“Era successo con Demiral, Bonucci si è sentito a suo agio ed è rimasto così”.

Viste le successive gare di campionato, si fanno delle valutazioni per il post?
“Le imprevedibilità che ci sono dentro le partite non ti possono portare a una programmazione per troppi giocatori. La partita importante è con il Napoli ma non facciamo valutazioni su 5-6 giocatori, se ne può fare per uno”.

Ci sarà turnover? Sei preoccupato che Ronaldo stia andando così bene?
“Spero che al bene non ci sia mai fine. Voglio pensare che la squadra abbia sempre margini di miglioramento. Cristiano valutiamo domattina, se sta bene penso che possa fare tre partite in una settimana. Son diverse settimane che non ne fa tre, ma lui deve sentirsi nelle condizioni ideali per poterlo fare. Ultimamente non è stato così perché aveva qualche linea di febbre. Domattina parlo con lui per capire se ha completamente recuperato”.

C’è qualcosa che non rifarebbe che ha fatto in campionato con la Roma?
“La Roma è una squadra forte, i momenti di sofferenza li fa passare a tutti. Hanno numeri migliore in trasferta rispetto a a casa”.

Cosa cambia nella Roma senza Dzeko?
“Difficile da sostituire anche se Kalinic è un giocatore fortissimo. Nella partita singola i giocatori forti meritano sempre grande considerazione”.

Qualcuno ha bisogno di riportare a centrocampo? Come va gestito Rabiot?
“E’ uscito dall’ultima gara con qualche colpo. Oggi stava un po’ meglio, la sensazione è che abbia caratteristiche fisiche importanti anche a livello di recupero. Domani valutiamo, ieri più pessimista, oggi più ottimismo”.

Danilo?
“Giocatore affidabile, difficilmente sbaglia la partita. Sulla sinistra ha un rendimento simile a quello che è sulla destra, ha buon livello caratteriale. Ha un ruolo importante nello spogliatoio”.

Higuain come lo ha visto?
“Bene. Anche oggi in allenamento era particolarmente vivo. Giocatore importante, per motivi di equilibrio gioca insieme agli altri due o con uno dei due. Ultimamente frequenta meno l’area di rigore ma è un giocatore di una caratura fuori dal comune”.

Emre Can e Bernardeschi li considera come gli altri o aspetta che si chiuda il mercato?
“Non mi risulta, per me fanno parte della rosa e dunque sono presi in considerazione come tutti gli altri. A meno che non ci sia una posizione particolare da parte dei giocatori ma al momento non mi interessa”.

Douglas Costa?
“In questo momento sta bene. Certi carichi al momento glieli abbiamo evitare perché è a rischio infortuni. L’aspetto estremamente positivo è che ha ritrovato continuità in allenamento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy