Roma tra matrimoni e divorzi: Lobont saluta dopo 9 anni. Maxi-contratto per Alisson, spunta Muniain

Roma tra matrimoni e divorzi: Lobont saluta dopo 9 anni. Maxi-contratto per Alisson, spunta Muniain

Il portiere romeno lascia il calcio, Karsdorp dice ‘sì’ alla sua Astrid. Giallorossi pronti a blindare il brasiliano. Strootman ai tifosi olandesi: “La fascia non me la sono messa da solo”. Torna di moda Laxalt

di Francesco Iucca, @francescoiucca

MATRIMONI E… DIVORZI – Dopo ben 9 anni, Bogdan Lobont saluta la Roma e appende gli scarpini al chiodo. Il 40enne terzo portiere giallorosso conclude la sua esperienza nella capitale con 28 presenze totali e una lettera d’addio emozionante: Miei cari compagni di viaggio, GRAZIE, per avermi applaudito in decenni di carriera e per avermi dato la fiducia necessaria a superare i momenti difficili. È giunta l’ora di passare a una nuova fase della mia storia nel mondo del calcio. Da adesso in poi farò di tutto per essere in grado di condividere l’esperienza maturata negli anni con le nuove generazioni di calciatori. Chiudo questo appassionante cammino da calciatore nel club, la Roma, che mi ha accolto 9 anni fa e che mi ha sempre fatto sentire a casa. Sta per iniziare una nuova vita anche per Rick Karsdorp, che ieri si è sposato con la sua Astrid Bell nella cornice dell’Orangerie a Den Bosch, una cittadina al nord dell’Olanda. Un matrimonio in grande stile per il terzino che la Roma aspetta con ansia di vedere all’opera: a partecipare alla cerimonia di nozze anche Radja Nainggolan.

MERCATO – Il matrimonio che la Roma spera duri il più a lungo possibile è però senza dubbio quello con Alisson. Il portiere brasiliano è uno dei calciatori più apprezzati in Europa e le big sono pronte a sfidarsi a suon di milioni. Dalla Spagna però precisano: il Real non andrà oltre i 60 milioni di euro. I giallorossi non vogliono comunque farsi trovare impreparati e studiano un modo per blindarlo: Monchi avrebbe proposto un rinnovo da ben 3,5 milioni di euro più bonus e la possibilità di gestire autonomamente i diritti d’immagine. Per cautelarsi. però, i capitolini stanno continuando a seguire Meret e Areola. Nel frattempo il ds romanista è volato in Spagna e i nomi papabili in Liga sono molti: l’ultimo porta a Iker Muniain dell’Athletic Bilbao. Piace sempre Hakim Ziyech, sul quale è pronto a piombare il Benfica con il portafoglio bello gonfio: i portoghesi avrebbero infatti accettato un’offerta da 35 milioni di euro dalla Cina per Talisca. Per il centrocampo è invece spuntata la pista Nuri Sahin: il tedesco di origini turche non rinnoverà con il Borussia Dortmund il contratto in scadenza 2019. Su di lui anche Napoli, Liverpool e Galatasaray: la richiesta del calciatore è di 3 milioni per 4 anni. Per la fascia invece torna di moda Diego Laxalt, con Luca Pellegrini che potrebbe andare in prestito al Genoa. Sul fronte cessioni Defrel interessa anche alla Sampdoria: i doriani puntano anche Lukasz Skorupski, anche se la richiesta di 10 milioni della Roma ha spaventato il club di Ferrero. Per il polacco c’è la fila: piace anche a Genoa e Atalanta. Infine la Salernitana pensa a Gyomber, difensore slovacco attualmente in prestito al Bari che tornerà a Trigoria. Intanto la Figc ha ufficializzato le date del calciomercato: dal 1 luglio al 17 agosto e dal 3 gennaio al 18 gennaio.

I NAZIONALI – Terminati i campionati, molti calciatori della Roma sono impegnati con le rispettive selezioni. Ieri sono scesi in campo anche Dzeko, Pellegrini e Florenzi: il centravanti giallorosso ha affrontato in trasferta la Corea del Sud e oggi ne ha approfittato per visitare il Giappone con la moglie Amra, documentando il suo viaggio sui social. Florenzi invece ha lasciato il ritiro degli Azzurri per tornare a Roma e stare insieme alla moglie, che a breve concepirà una bimba. Fresco di matrimonio, Pellegrini commenta il ko con la Francia: “Fa sempre male perdere, ma la strada è quella giusta! Continuiamo così!” Non è un buon momento, per utilizzare un eufemismo, di certo per Kevin Strootman. L’annata personale con la Roma è stata tutt’altro che indimenticabile e in nazionale le cose non vanno affatto meglio. Contro la Slovacchia l’olandese è sceso in campo da capitano, ma la scelta del ct non è piaciuta ai tifosi:Non mi sono messo la fascia da solo, in assenza di Van Dijk il capitano cambia ha replicato Strootman . E’ stato detto abbastanza su questa storia, ma forse è meglio che io non sia il capitano. Spero Van Dijk ci sia sempre, così non dovremo più parlarne”. Dalla Turchia ha invece parlato Cengiz Under:Uno dei miei più grandi sogni era quello di partecipare alla Coppa del Mondo, ma non ci siamo qualificati. Ci rifaremo nel 2020, io ci credo. Mi strappai i capelli quando uscimmo ad Euro 2008 contro la Germania”.

Dzeko Giappone 01

LE ALTRE NEWS – Niente nazionale per Radja Nainggolan, a causa dell’ormai nota esclusione di Roberto Martinez. A schierarsi con il Ninja della Roma è stato l’ex ct del Belgio Marc Wilmots: “Radja è tra i tre migliori calciatori che ci siano in Belgio. La sua assenza è una sorpresa, deve sempre stare nei 23. Il suo carattere? Senza personalità non arrivi ad alti livelli. Non ho mai avuto difficoltà con lui. È bastato parlarci”. Intanto sembra avvicinarsi l’arrivo del back sponsor sulle maglie giallorosse: Hyundai è pronta a versare 3,5 milioni di euro all’anno nelle casse della Roma. Infine disavventura aerea per Juan Jesus, che da due giorni è in attesa di recuperare le sue valigie e sui social si è sfogato senza fronzoli contro la compagnia responsabile.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy