Roma tra derby e futuro, Manolas corre verso il recupero e Monchi pressato dall’Arsenal

Roma tra derby e futuro, Manolas corre verso il recupero e Monchi pressato dall’Arsenal

Under verrà valutato giorno per giorno, mentre Schick e Karsdorp in settimana dovrebbero tornare ad allenarsi in gruppo

di Dario Marchetti, @@dariomarchetti7

La settimana d’avvicinamento al derby comincia con tre buone notizie in casa Roma e hanno i nomi di Manolas, Schick e Karsdorp. Per il centrale greco, dopo una serie di primi esami che avevano scongiurato fratture, sono seguiti ulteriori accertamenti che hanno escluso anche l’interessamento dei legamenti. Dunque una semplice distrazione alla caviglia destra e le sensazioni, in vista del match con la Lazio di sabato, sono positive. Il numero 44 dovrebbe (mercoledì potrebbe essere già in gruppo) recuperare così come potrebbero farcela anche Schick e Karsdorp, oggi ancora lavoro individuale, ma in settimana è previsto il reintegro con il resto del gruppo. L’unico cruccio in casa giallorossa resta Under. Dopo non esser stato convocato per la gara con il Frosinone, l’esterno turco non si sente ancora al 100% a causa dell’infortunio al flessore che lo tiene fermo dalla gara di ritorno con l’Atalanta. Le sue condizioni verranno valutate di giornata in giornata. 

MONCHI E MERCATO – Situazione incerta, ma totalmente diversa da quella di Under, è legata al diesse della Roma. Quest’estate scatterebbe il terzo e ultimo anno del contratto stipulato con i giallorossi. I rumors oltremanica, però, si fanno sempre più insistenti. Dipingono Monchi con la valigia già pronta e in direzione Londra, sponda Arsenal. I Gunners, vista anche l’impossibilità di riprendere Overmars, attualmente all’Ajax, sarebbero disposti a pagare la clausola rescissoria di 3 milioni per liberare il direttore sportivo ex Siviglia. Per ora tutto tace nonostante i contatti in corso e intanto ci sono da risolvere alcune situazioni contrattuali non di poco conto. L’exploit di Zaniolo ha fatto sì che tutti i più grandi club europei si interessassero al giocatore, compresa la Juventus che con Paratici sarebbe pronta a fare una maxi offerta. Fondamentale diventa il rinnovo e l’appuntamento tra club ed entourage è fissato per la fine della stagione sperando che non diventi troppo tardi vista anche la gita a Milano di Zaniolo insieme al padre, Igor, e con la partecipazione speciale di due persone che parlavano spagnolo (non è ancora chiaro se fossero emissari di mercato o semplicemente amici di famiglia). Altra grana da risolvere, invece, è quella legata al contratto di El Shaarawy in scadenza nel 2020. Per Di Francesco è insostituibile e finalmente sembra aver trovato la giusta continuità che in questi anni di Roma gli era sempre mancata. Ora attende solamente la chiamata giallorossa per ridiscutere i termini dell’adeguamento salariale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy