Roma-Pescara, il web abruzzese: “La salvezza passa per l’Olimpico. Dzeko? Meglio di Higuain”

La trasferta nella capitale è fondamentale: “Ne va della nostra vita calcistica”. Ma sugli spalti saranno pochi i tifosi al seguito: “A Roma è vietato fare gli ultras”

di Mirko Porcari, @MirkoPorcari

Non è mai troppo tardi per stupire. Contro tutto e tutti, lontani dai pronostici e dai rapporti di forza: all’Olimpico in punta di piedi, cercando spazi per fare rumore nel modo più silenzioso possibile, lottando per novanta minuti in una gara che vale una stagione. “Ne va della nostra vita”. Calcistica, si intende, ed è per questo che il web abruzzese trova la via per dare speranza a una trasferta proibitiva: “Ma come si fa a dire che non abbiamo niente da perdere?”, la domanda si insinua sui social e trae spunto da chi non vede luce nella domenica di campionato. “Dalla partita contro la Roma passa la nostra salvezza, partire battuti vuol dire meritare la retrocessione”.

Lotta a oltranza in una serata molto particolare, a tenere banco nella settimana di avvicinamento è stata la presa di posizione dei Pescara Rangers: “Non seguiremo la nostra squadra all’Olimpico. È una decisione sofferta che va contro ogni nostro ideale, soprattutto in questo momento in cui la squadra ha più di tutto bisogno di Noi, del nostro sostegno e della nostra voce ma purtroppo è quella che riteniamo la più giusta. Ci sono principi che vanno ben oltre i 90 minuti su un campo di calcio. Non saremo presenti perché a Roma ci è vietato di essere e fare l’ultras”.

Da ogni parte d’Italia arrivano applausi virtuali per un gesto che prescinde dalla rivalità calcistica, per vincere o perdere c’è sempre un’occasione, molte meno se si tratta di far sentire la propria voce: “Onore a voi”, da Roma arrivano gli attestati di stima più sentiti, per tutto il resto si attende il responso del campo. “In difesa siamo messi male, speriamo in un modulo a tre”. Nei forum si accavallano voci e suggerimenti per Massimo Oddo, ingegnando soluzioni per affrontare il temibile attacco romanista: “Davanti sono i più forti di tutti, anche della Juventus”, Salah regala imprevedibilità ma è Dzeko il pericolo più concreto. “Gyomber sarebbe stato l’unico in grado di dargli del filo da torcere, adesso si deve inventare qualcosa per non farlo scatenare. Secondo me lui è meglio di Higuain, partecipa molto anche alla manovra”, ecco tre centrali e un massiccio aiuto da parte dei due terzini per uno schieramento compatto con cinque elementi fissi in difesa.

E davanti? Tutte le speranze sono racchiuse nella classe di un ex di turno: “Speriamo che Caprari inizi pure a vedere la porta”, il piccolo fantasista sta attraversando il campionato della consacrazione, nelle difficoltà di una piazza che combatte per non retrocedere è lui la stella indiscussa. “Ma non deve credersi una specie di Cristiano Ronaldo”, un consiglio che raccoglie diversi “like”, puntando sul carattere di un ragazzo che deve ancora crescere, magari con l’aiuto del destino: “In Europa alla Roma ha segnato Zeman…Vuoi vedere che questa è la settimana delle sorprese? Magari va in gol Caprari, contro di loro gli ex festeggiano sempre”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy