Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Roma-Napoli, la differenza è nella difesa: Spalletti ha subìto un terzo dei gol

Getty Images

Gli azzurri arrivano all'Olimpico con un bagaglio di appena 3 gol subiti e la potenza di Osimhen, la Roma dovrà controbattere con i tanti giocatori offensivi

Redazione

Il Napoli punta la nona vittoria in altrettante partite nel big match dell'Olimpico con la Roma. In questo momento gli azzurri sono nettamente la squadra da battere, anche grazie a uno scatenato Osimhen. Ma anche e soprattutto per una difesa di ferro, per certi versi in maniera inaspettata. Gli uomini di Spalletti, in 8 partite di campionato hanno subito la miseria di 3 gol a fronte di 19 fatti. Una macchina da guerra, a cui in fase realizzativa la Roma può anche tenere testa, visto che le reti realizzate sono 16 (comunque 2 a partita, 26 a 25 considerando anche il girone europeo). La differenza dei 9 punti in classifica sta tutta nei numeri difensivi: la squadra di Mourinho di reti ne ha subite 9, il che vuol dire il triplo del Napoli. E anche considerando le competizioni europee il dato resta fortemente negativo: in Conference i giallorossi hanno preso 7 gol totali, il Napoli 5 in Europa League. Il che vuol dire che in ogni caso gli azzurri sono stati bucati la metà delle volte rispetto alla Roma (8 contro 16).

Spalletti ha trovato grande stabilità con Koulibaly e Rrahmani, sacrificando in qualche modo il grande ex Manolas, che si è fatto male contro il Legia e sarebbe stato comunque out. In avanti, manco a dirlo, il pericolo pubblico numero uno è Victor Osimhen, che già è a quota 9 gol totali tra Serie A ed Europa League. Un bagaglio che non può non mettere in apprensione la difesa giallorossa. I dati dell'attacco fanno impallidire Mourinho, che tra Abraham e Shomurodov può raccimolare appena 5 gol. L'arma giallorossa in questo inizio stagione è stato invece Lorenzo Pellegrini, capocannoniere con 7 reti. Considerando anche le 4 di Veretout, Abraham ed El Shaarawy, la Roma dovrà affidarsi alla cooperativa del gol e a tanti uomini con un'ottima vena realizzativa.