Roma, Nainggolan: “Il calcio è noto per le belle donne, i giocatori gay si vergognano”

Il centrocampista belga: “Tutte le donne mi vogliono, me lo fanno vedere davanti agli occhi. A volte è difficile dire di no. Anche se sono sposato? Non dico certo di essere un angelo… L’unica cosa importante è che non deve uscire nulla”

di Redazione, @forzaroma

Radja Nainggolan ancora al centro dei riflettori in Belgio, questa volta non per l’esclusione dai convocati al Mondiale bensì per le sue interviste. L’ultima, rilasciata a dice a “hln.be”, riguarda la sua vita privata e il tema dell’omosessualità nel mondo del calcio.

Sui calciatori gay: “Non lo rivelano, si vergognano. Oggi saresti finito. In questo mondo se ci fosse davvero qualcuno che è davvero gay non si sentirebbe a proprio agio, perché il calcio è noto per le belle donne”.

Sulle sua vita privata“Tutte le donne mi vogliono, me lo fanno vedere davanti agli occhi. A volte è difficile dire di no. Anche se sono sposato? Non dico certo di essere un angelo… L’unica cosa importante è che non deve uscire nulla”.

Su quando smetterà di giocare: “Se fosse oggi, uscirei dal mondo del calcio. Non voglio fare l’analista o il team manager: voglio solo uscirne”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy