Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Roma, lo Squid Game delle Nazionali colpisce ancora

Getty Images

Ogni convocazione delle Nazionali a Trigoria viene vissuta con lo stesso sgomento della voce guida del torneo coreano quando viene annunciato l’inizio di un nuovo gioco

Francesco Balzani

Uno dietro l’altro come nei terribili giochi d’infanzia di Squid Game, la serie di Netflix che non ha più bisogno di presentazioni. Ogni convocazione delle Nazionali a Trigoria viene vissuta con lo stesso sgomento della voce guida del torneo coreano quando viene annunciato l’inizio di un nuovo gioco. Puntualmente, ogni volta cade qualcuno. In senso metaforico si intende. In palio non ci sono soldi, ma la sopravvivenza per la corsa verso la Champions. Gli allenatori della Roma possono solo attendere nervosi come un papà in sala parto lo sbarco dei loro giocatori dopo traversate mondiali, centinaia di partite di qualificazione pure contro la rappresentativa degli autonomi della regione dello Sri Lanka, tornei inutili come la Nations League. Inutile ricordare i casi più dolorosi e clamorosi: da Zaniolo a Spinazzola e Emerson da Rosa passando per Strootman.

Perdite ingenti sia da un punto di vista tecnico che economico. E nessun indennizzo ovviamente, anzi sul groppone restano pure i costi per rimettere in piedi il giocatore nel più breve tempo possibile. Pure quando lo stop non sembra così lungo risulta comunque pesante da digerire. Oggi è il caso di Tammy Abraham le cui speranze di giocare contro la Juve restano, ma sono oggettivamente poche. Un infortunio che arriva nel mese più bollente dell’anno per la Roma di Mourinho. Poche settimane fa era toccato a Lorenzo Pellegrini e Matias Vina, ma la lista delle defezioni post Nazionale è più lunga di una fila al supermercato nei giorni di lockdown. La Roma non può fare altro che raccogliere i cocci. Così la felicità per la convocazione di Abraham con l’Inghilterra diventa rammarico proprio perché quella convocazione è arrivata in extremis. Ora c’è solo da incrociare le dita, almeno fino alla prossima sosta di metà novembre. A quel punto torneranno gli uomini in maschera. Come in Squid Game.