Roma, la corsa Champions continua: 1-0 al Genoa firmato Mancini – FOTO

I giallorossi tornano in zona Champions: decide Mancini nel primo tempo. Ora lo Shakhtar

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Basta un colpo di testa nel primo tempo del difensore goleador Mancini per riportare la Roma in zona Champions. I giallorossi battono 1-0 il Genoa nel lunch match dell’Olimpico e tornano al quarto posto, scavalcando per il momento l’Atalanta (impegnata domani sera contro l’Inter) e avvicinando anche il Milan (che se la vedrà col Verona alle 15), ora distante soli tre punti. Per Fonseca in vista dell’Europa League – giovedì ancora in casa con lo Shakhtar – contavano solo i tre punti. Note positive da Diawara, Smalling e Mancini, al quarto gol in campionato. Quasi mai pericolosi Mayoral ed El Shaarawy. In coppa tornerà Kumbulla, oggi squalificato, e magari anche Ibanez.

Mancini-gol: è tornato quello dell’Atalanta

Fonseca nell’undici ritrova Smalling che però gioca a sorpresa al centro della difesa, con Cristante invece braccetto di sinistra. Ma le novità più importanti sono davanti, con la trequarti che cambia completamente: Pellegrini va in mezzo con Diawara e Pedro ed El Shaarawy fanno coppia alle spalle di Mayoral. Servono 15’ per vedere le prime occasioni per la Roma, prima con un sinistro alto di Pedro e poi con un tentativo in area di Mayoral prima ed El Shaarawy poi.
Al 24’ il vantaggio: corner calciato benissimo da Pellegrini e Mancini trova il quarto gol in campionato, che lo rende il centrale più prolifico insieme a Bremer del Torino. Vicino il record di sei stagionali raggiunti con l’Atalanta nel 2018-2019. Due minuti dopo è Pedro a sfiorare il raddoppio con un sinistro da fuori area su cui è bravo l’ex Lazio Marchetti, poi El Shaarawy calcia alto dopo aver saltato tre uomini del Genoa. I temuti ex nel primo tempo non mordono: Strootman si fa notare solo per un brutto fallo a inizio partita su Pellegrini, Destro calcia solo una volta in porta e viene ammonito anche al 45’ per aver cercato di deviare di mano un cross di Pjaca.

ElSha passo indietro, espulso il preparatore atletico della Roma. Ora lo Shakhtar

Nella ripresa Fonseca non cambia nulla, Ballardini sì: dentro Shomurodov e Cassata per Pjaca e Ghiglione. E proprio Cassata crea subito un pericolo alla Roma dopo pochi secondi, ma Pau Lopez è bravo, nonostante il fuorigioco poi segnalato da Fabbri, a parare una conclusione destinata all’incrocio. I giallorossi non soffrono granché ma al 60’ Fonseca manda in campo Villar e Mkhitaryan per un ottimo Diawara, tra i migliori in campo, e un deludente El Shaarawy. Il Faraone calcia solo una volta verso la porta: di certo non il ritorno da titolare in campionato che aveva sognato. L’ex Elche va subito vicino al pareggio: destro da fuori area – lui stesso aveva ammesso che questo fosse uno dei suoi talloni d’Achille – ma la palla si stampa sul palo. Al 69’ un rosso, ma per un collaboratore di Fonseca: è il preparatore atletico Pedro Moreira, che viene cacciato per proteste dopo un fallo fischiato a Karsdorp nell’area del Genoa. La sua è la seconda espulsione per un preparatore dopo quella di Nuno Romano nel famoso Roma-Cagliari di Kalinic-Pisacane. Al 75’ spazio anche per Carles Perez che prende il posto di Pedro: l’ex Barça poco prima di uscire colpisce un palo di tacco, Mayoral insacca di tap-in ma il guardalinee segnala fuorigioco. All’80’ ci prova un altro ex, Scamacca, che sfiora il palo con un destro potentissimo da 30 metri. Nel finale forcing del Genoa che però si stampa sul muro-Smalling e su due grandi diagonali di Karsdorp. Per la Roma testa all’Europa: giovedì l’andata degli ottavi contro lo Shtakhtar, ancora all’Olimpico.

Il tabellino di Roma-Genoa 1-0

ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Cristante, Smalling; Karsdorp, Diawara (59′ Villar), Pellegrini, Bruno Peres (86′ Spinazzola); Pedro (75′ Perez), El Shaarawy (59′ Mkhitaryan); Borja Mayoral (86′ Fazio).
A disposizione: Fuzato, Mirante, Reynolds, Santon, Pastore.
Allenatore: Fonseca.

GENOA (3-5-2): Marchetti; Masiello, Radovanovic, Criscito; Ghiglione (45′ Cassata), Strootman (76′ Scamacca), Badelj, Zajc (78′ Melegoni), Zappacosta; Pjaca (45′ Shomurodov), Destro.
A disposizione: Paleari, Zima, Goldaniga, Onguene, Zapata, Czyborra, Behrami, Rovella.
Allenatore: Ballardini.

Arbitro: Fabbri
Assistenti: Vecchi – Fiore
IV Uomo: Giua
VAR: Banti
AVAR: Carbone

Marcatori: 24′ Mancini

NOTE Ammoniti: 42′ Masiello, 46′ Destro, 64′ Strootman, 65′ Mancini, 84′ Criscito Espulsi: 69′ Pedro Moreira (proteste)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy