Fonseca: “Con Zaniolo ho chiarito. Il clima pesante un problema solo esterno” – AUDIO – FOTO – VIDEO

Il portoghese: “La squadra è in fiducia. Smalling in dubbio, Pellegrini giocherà. Contro l’Inter non cambieremo il nostro modo di giocare”

di Redazione, @forzaroma

Alla vigilia di Roma-Inter parla Paulo Fonseca. L’allenatore giallorosso dopo aver saltato quella pre-Verona, alle 16.30 in conferenza stampa presenta la partita contro i nerazzurri di Antonio Conte. Dzeko e compagni vogliono una vittoria di prestigio dopo non aver mai ottenuto tre punti contro le squadre che la precedono in classifica, l’Inter invece è tornata a credere nel sogno scudetto.

FONSECA IN CONFERENZA STAMPA

All’andata Inter-Roma ci fu una grande prestazione di Smalling. Ieri è tornato in gruppo, può tornare dal primo minuto o è presto?
Vediamo, si è allenato solo ieri con la squadra. Vediamo oggi e domani come si sente. Ha fatto pochi allenamenti, vedremo se sarà pronto o no.

Abbiamo assistito ai rimproveri a Zaniolo dopo il Verona. Si è un po’ esagerato forse? Si parla di un pallone perso che neanche ha generato un gol. Mancini ha commesso degli errori e nessuno si è permesso a fine partita di fare degli appunti, stessa cosa Veretout con Dybala… Questa vicenda poteva essere gestita in modo diverso?
Sono molto diretto e frontale, quando una situazione non mi piace non mi piace. Sono situazioni normali, di calcio, non c’è nessun problema con Zaniolo, né con me o con i colleghi. Ho parlato con lui, è tutto a posto. È importante per la squadra, è stato infortunato molto tempo e abbiamo piena fiducia in lui. È una situazione normale di cui abbiamo parlato, va tutto bene e non c’è nessun problema.

La Roma non ha mai battuto le quattro squadre che la precedono. È la conferma che si merita il quinto posto?
Dobbiamo vedere le singole partite. È vero che i numeri sono questi, non abbiamo vinto. Ma abbiamo fatto buone partite contro queste quattro squadre. Abbiamo creato, fatto buone partite. Non abbiamo vinto, ma siamo stati vicini a farlo.

La Roma vince tre partite consecutive ma si parla del malumore di Dzeko o del caso Zaniolo. Perché sembra da fuori che ci sia un clima poco sereno nella squadra? Percepisce preoccupazione in vista del futuro?
È una sensazione dell’esterno, qui non c’è nessun problema. La squadra è serena e in fiducia, magari i problemi sono all’esterno perché noi siamo tutti sereni.

Sul talento di Pellegrini nessuno discute, però non sembra al 100% dal punto di vista atletico. Partirà dall’inizio con l’Inter?
Sta bene fisicamente e mentalmente, domani giocherà.

 

 

Under e Kluivert si sono visti poco. È un discorso di schema o non è convinto delle prestazioni?
Non è una questione di schema, ma possiamo giocare in undici. La squadra sta bene e non voglio cambiare molto in questo momento. I due ragazzi si stanno allenando bene, quando abbiamo l’opportunità giocheranno.

Crede ancora nella possibilità del quarto posto?
È molto difficile, dobbiamo essere onesti. Ma è importante la partita di domani con l’Inter, non pensiamo di più.

Dalla ripresa del campionato Peres ha giocato cinque volte, Zappacosta due. Cosa la convince di più? Domani il brasiliano può fare la quarta di fila dall’inizio?
Domani vediamo. In questo modulo abbiamo bisogno di un giocatore più offensivo e Bruno lo è, è forte nell’ultimo movimento in attacco, è per questo che ha giocato di più.

Nell’Inter di Conte ci sono situazioni codificate, anche la sua Juventus giocava con un attaccante che faceva la sponda e l’altro che andava in profondità. Sta pensando di abbassare la squadra?
No, giochiamo come stiamo giocando adesso, il più alto possibile. Non cambieremo. Conosco bene l’Inter, Conte è un grande allenatore ed è una grande squadra, stiamo lavorando sulle situazioni della partita.

Domani per lei cambierà qualcosa se dovesse giocare Lukaku?
Non cambia nulla.

Si è detto soddisfatto della partita di Kolarov da centrale, può giocare lì con continuità?
Ha fatto una bellissima partita, può giocare con continuità lì. L’ha fatto anche al City.

 

 

Dopo quasi un mese senza pubblicazioni sui social network, Paulo Fonseca è tornato a twittare. Il messaggio stavolta è dedicato a “nonna” Isa, tifosissima della Roma che a febbraio era stata invitata dal club ad assistere alla sfida con l’Inter. A causa delle restrizioni dovute al coronavirus, non le sarà possibile accedere allo stadio, ma la società giallorossa e lo stesso Fonseca hanno promesso di accoglierla in un’altra occasione. Questo il tweet del tecnico: “Anche domani giocheremo a porte chiuse e non sarà possibile ospitare nonna Isa come promesso. La inviteremo appena avremo la possibilità di accogliere i nostri tifosi, perché quando l’abbiamo incontrata a febbraio il suo amore per questi colori ci ha fatto emozionare“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy