Roma inaccettabile. L’Atalanta passa all’Olimpico (2-1) – FOTO

Continua l’involuzione della squadra giallorossa che non riesce a vincere da quattro partite. Dzeko torna al gol, ma la squadra non riesce a pareggiare nonostante i 45 minuti in superiorità numerica

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

La Roma non poteva iniziare il 2018 nel peggiore dei modi. Altro stop all’Olimpico, questa volta con una sconfitta per 2 a 1 che non è arrivata per l’esclusione di Nainggolan ma per colpa di una squadra irriconoscibile rispetto alla prima parte di stagione, che non riesce più a creare occasioni da gol, velocità e compattezza. Dzeko ha accorciato dopo l’espulsione di De Roon, ma la squadra non è riuscita a evitare la sconfitta nonostante 45 minuti in superiorità numerica.

 

SOLO ATALANTA – Primo tempo della Roma da incubo. Squadra lenta, macchinosa e priva di idee. All’Atalanta non è servito altro che approfittare degli errori individuali dei giallorossi per colpire due volte. Il vantaggio bergamasco è arrivato con l’errore (l’ennesimo) in mezzo al campo di Gonalons che propiziato la ripartenza nerazzurra, poi Alisson ha preso gol sul proprio palo. Vita facile anche per De Roon, lasciato solo al limite dell’area di rigore e libero di calciare in porta per il gol (con deviazione di Manolas) del due a zero.

ASSENZA DI GIOCO – A far preoccupare tifosi e allenatore è stata l’assenza di una manovra chiara: tante mani alzate dei giocatori ad indicare l’impossibilità di un passaggio in verticale per la mancanza di movimento, tanti i dubbi di una squadra che non è riuscita a rendersi pericolosa se non con un tiro di Dzeko finito sul fondo. Attacco impalpabile, la manovra lenta e con continui retropassaggi alla ricerca di una soluzione alternativa al lancio sulla fascia.

 

SUPERIORITÀ NUMERICA – L’espulsione per doppia ammonizione di De Roon (con conseguente allontanamento di Gasperini per proteste) alla fine del primo tempo ha svegliato parzialmente la Roma che ha trovato ad inizio ripresa il due a uno con la prima azione in velocità e in verticale della partita. Rete di Dzeko con l’assist di Gonalons. Il bosniaco ha ritrovato il gol dopo un digiuno di sei partite tra campionato e coppe. Il 4-2-3-1 con Schick (subentrato a Pellegrini) dietro a Dzeko ha portato maggiore peso all’attacco, non una manovra più fluida di una Roma che anche chiudendo la gara con cinque attaccanti, non è riuscita a trovare la rete del pareggio. Quarta partita consecutiva (compresa la coppa Italia) senza vittoria, la Roma ha perso ulteriore terreno sulla capolista ed è stata sorpassata dalla Lazio, anche lei con una partita in meno. Quinto posto in classifica, ma ciò che preoccupa di più e la continua involuzione di una squadra che non riesce più a vincere e a giocare.

[opta title=”Roma-Atalanta” widget=”temporeale” season=”2017″ team=”121″ match_day=”20″ show_layout=”full”]

TABELLINO

Roma-Atalanta 1-2
Marcatori:
14′ Cornelius, 19′ de Roon, 56′ Dzeko

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi (83′ Peres), Manolas, Fazio, Kolarov; Strootman (76′ Under), Gonalons, Pellegrini (51′ Schick); El Shaarawy, Dzeko, Perotti
A disposizione: Skorupski, Lobont, Jesus, Palmieri, Moreno, Castan, Gerson
Allenatore: Di Francesco

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Palomino; Hateboer, de Roon, Freuler, Spinazzola; Iličić (45′ Cristante), Cornelius (61′ Petagna), Gomez (68′ Masiello)
A disposizione: Gollini, Rossi, Mancini, Castagne, Gosens, Schmidt, Haas, Kurtic, Orsolini, Vido
Allenatore: Gasperini

Arbitro: Guida
Assistenti: La Rocca – Liberti
IV Uomo: Pairetto
VAR: Rocchi
AVAR: Posado

NOTE Ammoniti: 28′ de Roon, 30′ Caldara, 93′ Fazio Espulsi: 45′ De Roon (doppia ammonizione) Spettatori: 32.863 Incasso: 1.002.362

CRONACA PRE PARTITA

Ore 17.25 – Roma e Atalanta in campo per il riscaldamento.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-10216966 - 3 anni fa

    Di Francesco stavolta hai sbagliato tutto: 1) Naingolan ha pagato e doveva giocare 2) inserire 5 attaccanti non significa automaticamente fare goal.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy