Roma, il veleno di Monchi e tanti “italiani”. Ecco il Siviglia padrone d’Europa League

Roma, il veleno di Monchi e tanti “italiani”. Ecco il Siviglia padrone d’Europa League

Negli ultimi 15 anni gli spagnoli hanno vinto questa competizioni ben 5 volte. Nessun precedente tra le due squadre in gare ufficiali

di Edoardo Bandini

Il sorteggio degli ottavi di finale di Europa League ha regalato il Siviglia dell’ex Monchi. L’urna di Nyon poteva sicuramente riservare ai giallorossi un avversario più abbordabile. La squadra spagnola era tra le avversarie più ostiche da affrontare, questa è la sua competizione: negli ultimi 15 anni in ben 5 occasioni ha avuto il modo di sollevare questo trofeo, nessuno ha fatto meglio. Quest’anno ha superato il proprio girone piazzandosi facilmente al primo posto sopra a Apoel, Qarabag e Dudelange, mentre ai sedicesimi ha evitato l’ostacolo Cluj grazie al pareggio fuori casa. In Liga è quarta in classifica a pari punti con l’Atletico Madrid a meno dodici punti dal Barcellona capolista. L’andata si giocherà nel caldissimo Ramón Sánchez Pizjuán il 12 marzo, il ritorno è in programma una settimana dopo, il 19, allo stadio Olimpico.

A VOLTE RITORNANO – Sarà una partita sicuramente speciale soprattutto per Monchi. A quasi un anno esatto dalle sue dimissioni dalla Roma il direttore sportivo ritrova la sua vecchia squadra. L’avventura italiana non è andata nei migliori dei modi: lo spagnolo è stato fortemente criticato per i diversi acquisti sbagliati e le cessioni illustri. Adesso vorrà prendersi una bella soddisfazione provando ad eliminare il suo recente passato dall’Europa League. Il ds, nel mercato di gennaio, ha rinforzato la propria squadra pescando dalla Serie A: superata la concorrenza proprio dei capitolini, è arrivato Suso dal Milan. Ma sono diversi i calciatori che hanno giocato nel nostro campionato: Franco Vazquez, Ever Banega e Lucas Ocampos. Insomma una sfida dal sapore d’amarcord. In panchina c’è l’esperto Julien Lopetegui. Il tecnico ha dimenticato le negative esperienze con il Real Madrid e la Nazionale spagnola, il suo obiettivo adesso è quello di vincere l’Europa League e centrare un posto in Champions. Il modulo preferito è un 4-3-3 molto dinamico capace di trasformarsi anche in un 3-4-3 in caso di necessità. Grande spinta sulle fasce di difesa e copertura totale a centrocampo, con pochi inserimenti in zona gol da parte del trio in mediana composto da Fernando, Gudelj, Jordan. L’attacco è di tutto rispetto: Ocampos sta attraversando un momento magico, è il capocannoniere della squadra con 10 gol. Al centro c’è l’ex Psv Luuk De Jong, attaccante simile a Dzeko per caratteristiche. Lopetegui in difesa può anche affidarsi all’esperienza di Jesus Navas sulla fascia destra, mentre su quella sinistra c’è il promettente Reguilon, cresciuto nella cantera del Real Madrid. Insomma non è una sfida assolutamente da sottovalutare, anzi.

PRECEDENTIRoma e Siviglia non si sono mai affrontate in gare ufficiali. Nell’estate 2017, in occasione del Trofeo Antonio Puerta, è andata in scena un’amichevole vinta dagli spagnoli 2-1 grazie alle reti di Escudero e Nolito, inutile il guizzo vincente nel recupero di Dzeko. In totale sono 32 i precedenti dei giallorossi contro club spagnoli: 11 vittorie, 16 sconfitte e 5 pareggi. Recentemente però i giallorossi sono sempre passati negli ultimi due incroci contro squadre ispaniche nella fase ad eliminazione diretta delle coppe europee, Barcellona e Villarreal ne sanno qualcosa. La Spagna per i capitolini porta bene e negli anni 2000 sono diverse le vittorie in questo paese: spiccano i due successi al Santiago Bernabeu e il tris calato a Valencia nella stagione 2002-03. All’Olimpico la partita più affascinante è probabilmente Roma-Barcellona 3-0 del 2001-02, con lo scudetto tricolore cucito sulle maglie. Incontro surreale quello disputato contro il Real Madrid l’undici settembre del 2001, a poche ore dall’attentato alle Torri Gemelle. Sono dieci invece le occasioni in cui il Siviglia ha giocato contro le italiane: il bilancio parla di 5 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte. L’ultima vittima degli andalusi è stata la Lazio, che lo scorso anno perse entrambe le sfide ai sedicesimi di finale.

SIVIGLIA (4-3-3): Bono; Navas, Koundè, Carlos, Reguilon; Fernando, Gudelj, Jordan; Suso, De Jong, Ocampos.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy