Roma-Genoa 4-0: andatura da Champions, 44 punti al giro di boa (FOTO)

di finconsadmin

Applausi a scena aperta per un poker di fine girone d’andata che consente alla Roma di aggirare la boa a 44 punti, conquistando il titolo di “Principessa d’inverno”. Rammarico per i due pareggi in casa con Sassuolo e Cagliari le principali cause del distacco dalla Juve.

 

GUARDA LE FOTO DELLA PARTITA

 

PRIMO TEMPO

 

 

Finisce oggi il girone di andata. La prima parte del campionato viene consegnata agli archivi, e la Roma si trova a chiuderla in casa davanti al suo pubblico. l’avversario è il Genoa di Gasperini ridimensionato dalle diverse assenze, su tutte quelle di Gilardino, Kucka e Portanova. Fa il suo esordio in Serie A Cabral, nel centrocampo rossoblù. Rudi Garcia non abbandona il 4-3-3. In difesa c’è Burdisso centrale con Benatia, Castan è squalificato, e sulle corsie ancora domina il verdeoro con Dodò e Maicon. Il centrocampo a tre è un equilibrato melting-pot di tecnica, qualità e quantità con Pjanic, Strootman e Nainggolan che esordisce anche in campionato con la nuova maglia giallorossa. La numero 44. Come la proiezione di punti in caso di vittoria oggi. Contemporaneamente alla gara dell’Olimpico si gioca Cagliari-Juventus.

Subito una percussione sulla corsia di sinistra con Dodò che sale e si intende bene con Gervinho che prosegue la corsa palla al piede nell’area di rigore ma l’ivoriano si allunga troppo il pallone che termina oltre la linea di fondo. Tempo un paio di minuti e la Roma è ancora a ridosso dell’area avversaria e Francesco Totti prova la conclusione che viene ribattuta da un giocatore rossoblù che, proteggendosi, alza il braccio. Totti chiede un tocco irregolare, Calvarese fa cenno di proseguire. Al 7′ Strootman ede Totti in posizione centrale, scava il pallone in direzione del Capitano che stoppa la sfera calcia ma Perin esce bene e para. Ma l’azione è stata bloccata dalla chiamata del secondo assistente del direttore di gara. Fuorigioco di Totti. Non c’è un attimo di tregua perchè subito dopo dai 25 metri ci prova Nainggolan, in cerca del gol già da giovedì scorso contro la Samp. Il belga riconquista il pallone, lo nasconde agli avversari, lo protegge, si gira e libera il destro. Perin blocca, ma il piede di Nainggolan è caldo. Solo Roma nel primo quarto d’ora. Veloce, incisiva, imprevedibile, compatta. La formazione di Garcia avanza prepotentemente e trascorre quasi interamente il tempo nella metà campo avversaria. La disordinata difesa del Genoa svolge comunque il suo compito, la porta di Perin è ancora inviolata, in fase di non possesso tutta la squadra è dietro la linea del pallone. Al 21′ la notizia più bella arriva dal tabellone dello stadio Olimpico: Cagliari 1, Juventus 0. Mauricio Pinilla ha portato in vantaggio la squadra di Lopez. L’Olimpico esulta, in cuor suo, ringrazia. E’ il 23′ e Totti rimedia un calcio di punizione dal limite destro dell’area avversaria per un fallo di Marchese. E Matuzalem viene ammonito per proteste. Batte Totti forte. La palla si schianta sulla barriera ma viene recuperata e alla fine raggiunge Florenzi che, spalle alla porta, con un capolavoro di rovesciata calcia sul secondo palo. Perin può solo guardare la palla che finisce in rete. Roma 1, Genoa 0 e al 25′ arriva il meritato vantaggio dei padroni di casa. Al 27′ contropiede Roma. De Sanctis innesca Gervinho che ora è sulla corsia di destra. L’ivoriano percorre tutta la fascia a grande velocità, entra in area di rigore accentrandosi e saltando due avversari, ma Perin esce ancora una volta bene e Gervinho calcia proprio sul portiere del Genoa. Passano due minuti e arriva il raddoppio Roma. Sempre Gervinho dalla destra arriva quasi sul fondo, vede dietro in posizione centrale e completamente solo Francesco Totti che riceve proprio dall’ivoriano. Il Capitano libera un preciso destro rasoterra sul primo palo. Il 2-0 è servito in quattro minuti. Il 3-0 arriva al 42′. Altro contropiede fatale giallorosso. Dodò lo porta avanti liberandosi di un avversario, poi allarga per Florenzi sulla detra (ha invertito la posizione con Gervinho, ancora) che avanza palla al piede. Al momento giusto crossa basso verso il cuore dell’area avversaria dove c’è Maicon che ha seguito l’azione ed è andato a coprire quella porzione di campo non sua ma rimasta scoperta in questa occasione. E’ il minuti 43 e con un tocco leggero di sinistro batte Perin e insacca in rete. Partita chiusa, con la Roma che domina ed un Genoa affondato in nemmeno quarantacinque minuti. Si chiude poi anche il primo tempo senza recupero.

 

 

SECONDO TEMPO

 

I ventidue del primo tempo tornano in campo. Nessun cambio dunque alla ripresa. La Roma ricomincia forte ma il Genoa non si abbatte. Al 5′ Florenzi rimedia subito un calcio di punizione dalla trequarti per un’ostruzione di Marchese. Lo spiovente verso il secondo palo si perde sul fondo ma è calcio d’angolo vista una deviazione avversaria. Dalla bandierina Totti cerca Benatia sul primo palo. Il marocchino copisce con la parte posteriore della testa e la palla raggiunge il secondo palo e gonfia la rete genoana. Sotto la Sud si scatena la mitraglia di Benatia ed è poker giallorosso. Dominio Roma. Al 12′ Gasperini prova a correre ai ripari, non tanto per tentare una rimonta a piuttosto per provare a non subire più reti. Entra Cofie ed esce Matuzalem, ma mentre l’ex laziale guadagnava la propria panchina si è reso protagonista di un triste gesto reiterato in direzione della Curva Sud, come ad incitare i fischi in sua direzione. Il direttore di gara allora ammonisce Matuzalem, ma Tagliavento, oggi nelle vesti di arbitro di porta, ricorda a Calvarese che quello era il secondo giallo per il giocatore e che, secondo il regolamento, non essendo stato ultimato il cambio al momento dell’ammonizione, Matuzalem ha fatto rientro direttamente negli spogliatoi e Cofie è tornato momentaneamente a bordo campo, perchè non poteva sostituire un calciatore espulso. Genoa in 10. Ma il cambio avviene ugualmente: Cofie finalmente entra, ma al posto di Bertolacci. Al 22′ ci prova ancora Nainggolan dalla distanza. Servito da Pjanic di prima intenzione calcia di collo destro ma Perin si lancia e prolunga in angolo. Poco dopo è anche il bosniaco che tenta la conclusione dalla distanza, ma è un po’ debole e si perde a lato del palo. Segue poi un cambio per parte. Sponda Genoa esce Vrsaljko ed entra De Maio, per la Roma entra in campo Destro e torna in panchina Pjanic. Appena entrato, Destro ha subito una grande occasione per la manita giallorossa. La parabola di Strootman raggiunge l’attaccante di Ascoli Piceno che involato verso la porta difesa da Perin si lancia in scivolata ed impatta il pallone provando a dargli il giro giusto per poter sorprendere Perin ma invece la sfesa attraversa tutta l’area di rigore e si perde sul lato opposto. La Roma non è paga nemmeno di un risultato così netto perchè gravita sempre nella metà campo e negli ultimi 25/30 metri di campo avversario. Di fronte un Genoa senza più forze nè speranze. Al 32′ Florenzi esce dal campo. Standing ovation per l’autore della prima spettacolare rete che ha aperto le marcature della gara. Al suo posto Marquinho. Intanto arrivano ulteriori notizie da Cagliari, dove la Juve ha rimontato e ribaltato la situazione dall’1-0 al 1-4. A 4 minuti dal quarantesimo, ultimi cambi per le due panchine: per il Genoa entra Konatè ed esce l’abbattuto, moralente, Calaiò, e per la Roma fa il suo esordio in Serie A Tin Jedvaj. Gli fa spazio Maicon. Strootman veste i panni anche di uomo assist, e non è la prima volta. Suggerisce la profondità a Destro, con un pallonetto, il quale aggancia puntualmente il pallone e a tu-per-tu con Perin calcia piuttosto forte, invece di scavare delicatamente la sfera a superare il portiere. La palla supera la traversa. Al 40′ giallo anche per Cofie per intervento irregolare ai danni di Gervinho involato verso la porta. Calvarese fischia la fine della partita senza recupero. La Roma vince e chiude il suo miglior girone d’andata di sempre.
Guendalina Galdi
 IL TOP & IL FLOP
Il Top di questo bel poker della Roma è Nainggolan che anche se non segna lascia il segno. Gioca sempre con grande grinta e intensità, sarà dura a ranghi completi farne a meno. Il centrocampo romanista con lui acquista forza ed equilibrio. Maestro Yoda
Il Flop di questa grande partita giallorossa è De Sanctis che rimane inoperoso per tutta la partita e quindi non prende assolutamente un voto da primo della classe. Dimostra comunque di essere attento nella manovra della difesa di Garcia ma il Genoa non tira mai. Spettatore
Alessio De Silvestro


 

DIRETTA

 

SECONDO TEMPO

 

90′ termina il match
86′ Ammonito Cofie
82′ Per la Roma fuori Maicon dentro Jedvaj
82′ Per il Genoa fuori Calaiò dentro Konatè
78′ Per la Roma fuori Florenzi dentro Marquinho
78′ Totti prova il tiro al volo in area, Manfredini respinge
72′ Nainggolan serve Destro in area che ci arriva al volo, palla fuori
70′ Per la Roma fuori Pjanic dentro Destro
68′ Per il Genoa fuori Vrsaliko dentro De Maio
68′ Botta dalla distanza di Nainggolan, Perin respinge
62′ Per il Genoa fuori Bertolacci dentro Cofie
60′ Mentre usciva dal campo Matuzalem è stato ammonito e quindi espulso per doppia ammonizione per aver provocato i tifosi della Roma. L’espulsione ha quindi di fatto annullato il cambio e quindi l’appena entrato Cofie è stato costretto ad uscire. Cambio annullato
52′ GOOOOOOOOOOOOOL ROMA Calcio d’angolo di Totti dalla sinistra, Svetta Benatia che segna la rete del 4 a 0

45′ Partiti

 

PRIMO TEMPO

 

45′ fine primo tempo
43′ GOOOOOOOOOOL ROMA! Cross al centro dalla destra di Florenzi, Maicon intercetta e segan la rete del 3 a 0

34′ Perin in uscita bassa anticipa Gervinho lanciato a destra
30′ GOOOOOOOOOOOOOOOL ROMA Totti servito da Gervinho scaglia un destro sul primo palo che inganna Perin dopo una devozione di Manfredini ed entra in rete
26′ GOOOOOOOOOOOOOOOOL ROMA Totti batte la punizione, ribattuta in area, Florenzi si coordina ed esegue una rovesciata insaccando il pallone alle spalle di Perin

23′ Punizione dal limite per fallo su Totti. Ammonito Marchese e Matuzalem per proteste
15′ Antonelli spazza l’area sul cross di Maicon
9′ Nainggolan prova il tiro dal limite, Perin para
5′ Totti prova il tiro dal limite, palla respinta da un difensore
2′ Dodò serve Gervinho che sulla sinistra che prova il cross ma si allunga la sfera
1′ Partiti

 

 

 

TABELLINO

 

Roma-Genoa 4-0

 

ROMA: De Sanctis; Maicon (82′ Jedvaj(, Benatia, Burdisso, Dodò; Nainggolan, Strootman, Pjanic (70′ Destro); Florenzi (78′ Marquinho), Totti, Gervinho.
A disp.: Skoruspki, Lobont, Jedvaj, Torosidis, Pjanic, Marquinho, Taddei, Ricci, Destro, Borriello, Caprari.
All. Garcia.

 

GENOA: Perin; Antonini, Manfredini, Marchese; Vrsaljko (68′ De Maio), Matuzalem, Biondini, Cabral, Bertolacci (62′ Cofie), Calaiò (82′ Konatè), Antonelli.
A disp.: Bizzarri, De Maio, Donnarumma, Sampirisi, Cofie, Fetfatzidis, Centurion, Sturaro, Konatè, Stoian.
All. Gasperini

 

Arbitro: Calvarese di Teramo. Assistenti: Ghiandai e Posado. IV uomo:Nicoletti. Assistenti di porta: Tagliavento e Borriello.

 

Marcatori: 26 Florenzi, 30′ Totti, 43′ Maicon, 52′ Benatia

 

NOTE Ammoniti 23′ Matuzalem, 23′ Marchese, 86′ Cofie Espulsi 60′ Matuzalem (soma di ammonizioni per aver provato il pubblico romanista al momento del cambio)  Spettatori 37.867

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy