Roma, Garcia: “Rivincita? No, con Juve per qualificarci”

di finconsadmin

La Roma non cerca rivincite, solo la vittoria. Rudi Garcia lo dice chiaramente alla vigilia del quarto di finale di Coppa Italia che domani sera all’Olimpico mettera’ difronte ai giallorossi la Juventus capolista. Il ko di Torino in campionato contro i bianconeri e’ ancora fresco nella memoria dei tifosi romanisti, ma non in quella del tecnico francese che anzi cerca di non caricare eccessivamente la sfida.

 

“Non si tratta della gara piu’ importante della stagione – spiega dopo la rifinitura a Trigoria – piuttosto lo e’ della settimana. E non e’ nemmeno una rivincita”. “E’ una partita totalmente differente” da quella di inizio anno, precisa poi Garcia. “Quello che conta e’ che si tratta di una gara che apre le porte alla semifinali. E’ una partita secca, con una solo qualificata, e dobbiamo fare in modo che sia la Roma”. Ad aiutare la squadra giallorossa ci sara’ il pubblico delle grandi occasioni (attesi sugli spalti 60 mila spettatori), “un vantaggio molto importante per noi” riconosce Garcia.

 

“Giocheremo in un Olimpico pieno, un ambiente terribile per la Juve – aggiunge – Il nostro pubblico sara’ carico e giocheremo anche per loro”. E per dimostrare che il gap di 8 punti in classifica non e’ cosi’ veritiero. “Ma e’ difficile parlarne. Non ho la testa al campionato – confessa l’allenatore – Certo, la Juventus dovra’ tornare ancora all’Olimpico verso la fine stagione, ma ora e’ solo Coppa Italia e lo ripeto, c’e’ solo una cosa da fare: qualificarci. Non ho nessun dubbio sulla voglia della squadra, finora hanno sempre dato tutto in campo”. Secondo Garcia, comunque, un eventuale risultato positivo domani sera non toglierebbe certezze alla corazzata di Conte. “E’ vero che per entrambe e’ meglio vincere, ma per me il risultato di domani non incidera’ per niente sul campionato – sottolinea – Loro scenderanno in campo con una formazione rimaneggiata? Solo Conte sa cosa fare con la sua squadra, e lo stesso vale per me. Posso solo dire che domani la Roma avra’ una squadra per andare in semifinale, sicuro”.

 

Insomma, niente turnover e largo ai migliori. “Ma se vogliamo vincere dobbiamo fare una grande gara, giocando con entusiasmo – il messaggio di Garcia – E dovremo anche essere piu’ efficace sui calci piazzati, su questo punto dobbiamo migliorare”. Dal mercato, intanto, dopo Gervinho, e’ arrivato nella Capitale un altro ex allievo di Garcia ai tempi del Lille. Si tratta dell’esterno mancino brasiliano Michel Bastos, acquistato dall’Al Ain, che indossera’ la maglia numero 20. “Il suo arrivo serve a migliorare la Roma. Con lui e Nainggolan siamo piu’ forti, la rosa e’ piu’ ampia, e io ho piu’ scelta e soluzioni – le parole piene di soddisfazione del francese – Pjanic destinato ad andarsene? E’ presto per parlare della rosa dell’anno prossimo. Io so solo che prendere Nainggolan non significa perdere Pjanic”.

 

E proprio il bosniaco domani sera potrebbe essere l’uomo giusto per limitare le giocate di Pirlo in fase di costruzione del gioco bianconero. In attacco, assieme a Totti, ci saranno invece Florenzi e Gervinho, mentre Strootman formera’ la diga in mezzo al campo assieme a Nainggolan o De Rossi. Confermatissimo infine il reparto arretrato, con Benatia e Castan davanti a De Sanctis, e Maicon e Dodo’ sugli esterni.

(ANSA)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy