Fonseca: “La Roma non è Dzeko-dipendente. Le 17.15 uno svantaggio per tutti” – AUDIO – FOTO – VIDEO

Il portoghese: “Zappacosta è recuperato. La rosa lunga un vantaggio, credo ancora nel quarto posto”

di Redazione, @forzaroma

Paulo Fonseca, alla vigilia di MilanRoma, parla della sua squadra prima della partenza alle 21 da Fiumicino. Queste le sue dichiarazioni in conferenza stampa.

Zero minuti per Kluivert contro la Sampdoria. Giocherà titolare domani?
Mi mancava questo tipo di domanda. Vediamo domani. Kluivert non ha giocato l’ultima partita, la scorsa settimana ha avuto un piccolo affaticamento.  Adesso è pronto vediamo se giocherà o no.

Quanto ha perso e quanto ha ritrovato della Roma pre-lockdown?
Penso che questa valutazione la possiamo fare solo alla fine della stagione. Non è tempo di farla ora. Posso dire che abbiamo fatto molte cose buone prima del lockdown e anche dopo. Non dimentichiamo che abbiamo fatto la prima partita contro la Sampdoria senza una preparazione pre-stagione normale. La squadra ha risposto molto bene contro la squadra di Ranieri. Sono ottimista per questa parte della stagione.

Cosa ha ammirato del Milan storico di Berlusconi?
Gullit, Van Basten, Baresi, Maldini… Sono tutti giocatori che quando ero giovane ho ammirato molto. Ho ammirato anche Sacchi e Capello come allenatori. Tutti grandi allenatori e giocatori che hanno fatto cose fantastiche. Una delle squadre più belle che ho mai visto.

L’Atalanta è ripartita subito forte con due vittorie, ha speranze di arrivare al secondo posto? La squadra è Dzeko dipendente?
Dzeko è importante ma penso che tutti i giocatori lo siano. La squadra non dipende da un giocatore in particolare, dipendiamo da tutti. L’Atalanta è molto forte e sta molto bene, io ho speranza. Dobbiamo pensare sempre a vincere la prossima partita.

Le sembra giusto giocare all’orario di domani (17.15) dato che farà troppo caldo? Col Milan sarà l’unica partita in pieno giorno e il grande caldo, contando anche i cinque cambi, può influire sulla squadra? Ha pensato a delle staffette anche prima dell’ora di gioco?
Preferisco giocare più tardi. Penso che a quest’ora sia troppo caldo per le due squadre, sono entrambe nella stessa situazione. non ci sono scuse. Nel calcio è meglio se si gioca senza questo caldo. Non ho mai sentito i giocatori preoccupati per questa  situazione. Siamo tranquilli ed ottimisti, penso che dobbiamo fare una buona partita e pensare al presente. Ho pensato alla squadra con la questione dei cinque cambi? No, le mie decisioni sono prese in base alla strategia e alla condizione fisica.

Cosa è andato storto dal recupero di Pau Lopez?
Pau Lopez ha fatto un recupero normale, ha iniziato adesso ad allenarsi con noi. Non è pronto per questa ma lo sarà per la prossima partita. E’ stato un recupero normale.

Mkhitaryan ha avuto qualche problema fisico la scorsa settimana. Può giocare due partite di fila da titolare? Come sta Zappacosta?
Mkhitaryan aveva un piccolo affaticamento, ora non ha nessun problema. E’ pronto per domani. Anche Zappacosta è pronto.

Nell’ultima partita avete registrato il numero più alto di tiri in porta di tutta la Serie A. A cosa attribuisce la difficoltà nel trovare il gol contro la Samp? E’ solo ruggine post-lockdown?
Posso essere preoccupato se la squadra non crea, ma è molto positivo che la squadra ha creato così tante situazioni da gol. Non dimentichiamo che è stata la prima partita dopo la quarantena. E’ stato molto positivo il fatto che la squadra abbia creato tante situazioni da gol. Sono ottimista: se la squadra continua a giocare così, la possibilità di fare più gol cresce. Posso essere preoccupato se non crea occasioni. Abbiamo fatto due gol e abbiamo vinto, questo è l’importante. Sono ottimista se si continua a fare come contro la Sampdoria. Contro il Milan sarà una partita diversa, non si potranno creare così tante situazioni. Senza così tante occasioni possiamo segnare.

Il Milan sembra una squadra in salute, cosa si aspetta contro gli uomini di Pioli? Rebic è il pericolo principale?
Il Milan sta passando un buon momento. Hanno giocato bene e in questo periodo è più forte di quello che abbiamo affrontato all’andata. Allo stesso modo dobbiamo prima pensare a quello che dobbiamo fare. La mia preoccupazione è rivolta a quello che possiamo fare contro una squadra forte, come il Milan. Rebic? Sono tutti giocatori di qualità, non dobbiamo preoccuparci solo di lui.

Può essere determinante avere una rosa lunga a disposizione?
E’ molto positivo avere quasi tutti i giocatori pronti per giocare. Ho la possibilità di cambiare partita per partita. Io non posso solo pensare al match che ci aspetta ma anche a quella dopo ancora che giocheremo. Abbiamo solo due giorni di distacco. Devo riflettere anche alla squadra per tre giorni dopo, quando preparo la formazione per la partita in programma. Quando tutta la squadra è pronta per giocare è più facile per me scegliere.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy