Roma-Fiorentina 2-0, Montella: “Troppo timorosi all’inizio. Dopo meritavamo di più”

Le parole del tecnico viola a fine gara.

di finconsadmin

Ecco le parole di Vincenzo Montella ai microfoni di Sky  e in conferenza stampa al termine di Roma-Fiorentina 2-0.

MONTELLA A SKY
Un commento sulla partita?
Partita tattica nei primi minuti, siamo stati un po’ troppo timorosi all’inizio. Nel secondo tempo siamo cresciuti e avremmo meritato il pareggio viste le occasioni create.
Gomez è sembrato un corpo estraneo
Non sono d’accordo, è perfettamente integrato nella squadra, ha fatto bene.
Differenza fisica tra le due squadre?
Il secondo tempo ha dimostrato il contrario, nel primo arrivavamo molto prima però non ho visto grandi occasioni per la Roma. Se non avessimo subito goal per nostra disattenzione, parleremo di altra partita

Scelta di Brillante
Ragazzo che sta dimostrando tanto, sta crescendo. Poi Aquilani in settimana ha avuto diversi problemi, ho dovuto fare una scelta di questo tipo.
Pensa arriverà qualcuno a centrocampo?
Non so, non faccio il mercato , faccio l’allenatore
Atteggiamento difensivo nel primo tempo dettato da non voler lasciare campo alla Roma?
In passato ci chiudevamo male, la nostra è una scelta per non perdere le nostre caratteristiche e aggiungere più compatezza difensiva che però nel primo tempo ha influito troppo sull’atteggiamento della squadra.

 

 

 

MONTELLA SALA STAMPA

 

Siete scesi con 45’ di ritardo in campo. Come mai?
Il primo tempo è stato giocato con grande attenzione difensiva e soltanto quella. La Roma ha avuto supremazia territoriale senza subire occasioni. Volevo vedere una squadra nel secondo tempo dove siamo stati superiori e meritavamo il gol.

 

Fiorentina orfana di Rossi. Siete scesi in campo senza un italiano oggi
Bisogna lavorare da lontano, dal settore giovanile che permetta di far crescere i giocatori, non i trofei. Non basta far giocare gli italiano solo perché sono italiani e basta.

 

Rispetto alla scorsa stagione, hai visto una Roma migliorata?
Le prime partite è difficile giudicare, c’erano delle assenze da tutte e due le parti. Difficile dare un giudizio schietto. La Roma ha dimostrato di essere organizzata a cinica. La squadra che cresce e poi vince dimostra di saper interpretare nella maniera giusta i momenti della partita.

 

A centrocampo sembrava ci fosse una netta supremazia nel primo tempo. Da cosa dipendeva?
Quelli andati in campo erano quelli a centrocampo. Faccio fatica a rinunciare a Aquilani ma ha avuto una settimana difficile. È anche vero che noi vogliamo migliorare quanto fatto l’anno scorso e vogliamo migliorare le lacune della stagione passata ma ci è mancata la fase di transizione.

 

Perché la Fiorentina ha aspettato per venire fuori?
Un po’ per scelta e un po’ vogliamo imparare a difendere in questo modo perché abbiamo subito tanti gol in ripartenza. Non avevo voglia di espormi dall’inizio. La partita stava infatti scivolando secondo le previsioni.

 

La prestazione di Alonso?
Ha fatto una buona partita, ha grande fisicità, sta migliorando e può migliorare ancora.

 

Sulla partita

Possiamo parlare di momenti di partita, non ho deciso di fare quella partita in continuità, una squadra che vuole crescere deve imparare a fare certe cose. Chi legge meglio la partita porta a casa il risultato. Mi sono divertito più il secondo tempo.

 

Un voto a De Sanctis
Ha fatto due grandi parate, è successo anche l’anno scorso su Pasqual che era più difficile anche oggi. Gli ricordo che in un anno a Genova gli segnai tre gol, sto pagando ancora dazio.

 

Quanto si rivedrà Rossi?
Ha una visita nei prossimi giorni, sicuramente siamo dispiaciuti per lui, vediamo cosa viene fuori dall’esito della visita specialistica.

 

Sembravi alterato a fine partita. Perché?
Vedere un ragazzino che perde secondi e tempo da padre mi dispiace per i genitori. Gli ho detto che non sarebbe cresciuto, non è cosi che non si cresce.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy