Roma Femminile, Hegerberg: “Il club una famiglia. Serie A competitiva ma lavoriamo per il professionismo”

Poi aggiunge: “Alcuni dei campi dove giochiamo sono pessimi. Devono essere curati per crescere”

di Redazione, @forzaroma

Andrine Hegerberg, centrocampista della Roma Femminile, rilascia un’intervista al The Guardian dove parla dei suoi modelli di vita e della sua carriera. Non poteva mancare qualche domanda sulla Serie A e sulla squadra di Betty Bavagnoli. Queste le sue parole:

Sul rapporto con la sorella Ada
“Cerco di prenderla bene (ride, ndr). Quando giochiamo con nostro padre, ci scherzo sempre sopra. Se faccio una prestazione migliore della sua, è come sentirsi migliore di un Pallone d’Oro. Lo uso come motivazione, piuttosto che esserne gelosa. Non aiuterebbe nessuno. Fino adesso non ho mai perso contro di lei (ride, ndr), almeno questo. Durante le cene di famiglia posso parlarne. Lei è molto umile e lavorerebbe allo stesso modo sia vincendo sia non. Se lei vince un premio, lavora ancora più duro per rimanere al top. È una cosa che ammiro e per la quale ci aiutiamo a vicenda. Nonostante lei vinca premi, so che ci sono giorni più difficili di altri e la cosa importante è aiutarci a vicenda. Penso molto a me stessa, siamo nate e cresciute in un piccolo paese, con 7000 abitanti, e penso che entrambe abbiamo appreso dei valori. È stato uno stile di vita umile con tante persone che ci hanno aiutato e supportato”.

Quali sono i tuoi modelli di vita?
Non ne ho avuti mentre crescevo, ma ne ho avuti molti nella comunità che mi ha aiutato e supportato quando la vita era davvero difficile. Penso che questo abbia bloccato tutta la famiglia, siamo sempre le stesse persone. Siamo sempre gente di Sunndal, neanche in Norvegia sanno che posto sia, è un posto molto piccolo. Ma penso ci abbia formato, ed è sempre con noi tutti i giorni e sento che sia importante restituire qualcosa quando ne hai l’opportunità”.

Sulla foto con la maglia della Roma quando era bambina.
“È un po’ speciale. Crescendo ho sempre pensato alla Roma, è un cliché, ma è una sorta di sogno diventato realtà. In tv trasmettevano molto la Serie A, non so perché in realtà. Guardavo Totti e andammo a Roma in visita in vacanza e andammo al Roma Store. Ho avuto qualcosa come 4 o 5 maglie, le adoro”.

Sulla Roma Femminile
“Mi piace avere responsabilità, è come essere i proprietari di qualcosa e a Roma sento di avere quel ruolo. La Roma è come una famiglia, questo aiuta a velocizzare i miglioramenti. Le persone si prendono cura a vicenda”.

Sulla Serie A femminile
“È davvero, davvero competitiva. Non ci sono partite facili e questo mi ha un po’ sorpreso. Anche le squadre in fondo alla classifica lottano molto, difendono bene e ci sono molti talenti. Per questo penso che possa crescere, c’è talento. Quando riusciranno a miscelare i vari stili penso che possa diventare un campionato molto, molto forte. Ma penso che ci sia anche da lavorare per quanto riguarda il professionismo. Alcuni dei campi dove giochiamo sono pessimi. Devono essere curati per crescere. Le giocatrici, con il talento che hanno e le ore che spendono a lavorare, meritano arene migliori”.

Sul mondiale del 2019.
“Ha davvero aiutato il campionato italiano. C’è molto entusiasmo, sento che veniamo prese seriamente e questo mi motiva a continuare a lavorare e migliorare”.

Sul calcio femminile in Norvegia.
“La Norvegia ha fatto molto. Siamo arrivate lontano ma c’è ancora molta strada da fare, non possiamo essere troppo felici di ogni miglioramento perché sarebbe potuto arrivare prima. Ada sta usando la sua voce per spingere la prossima generazione, è una cosa per cui la rispetto”.

Infine, sul calcio post-pandemia.
“Il calcio non è importante in una visione più ampia, ma è importante per molti. Ho paura, sì, che il calcio femminile possa avere un periodo di sofferenza e non ho risposte su cosa accadrà e su cosa dovrebbe o non dovrebbe essere fatto, ma penso sia importante continuare a lavorare. Finanziariamente, spero che non saremo l’ultima scelta in ogni situazione. Questo è anche uno dei motivi per cui sono soddisfatta del modo in cui la Roma ci sta trattando. Spero solo che le persone in alto possano vedere il calcio femminile e spingere nella giusta direzione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy