Roma, è mal di trasferta: 8 punti in 7 gare, tra le big solo l’Inter ha fatto peggio

All’Olimpico una media da scudetto (3 punti), fuori casa il crollo (1,1). E i gol subiti sono 10 (su 14 totali).

di Mirko Porcari, @MirkoPorcari

All’Olimpico con pochi tifosi e tanti punti, in trasferta con pochi punti e molti tifosi. Il cammino della Roma in questa stagione si potrebbe sintetizzare così, con la partita di Bergamo a certificare un trend fuori casa che inizia a destare preoccupazione: i 2 gol subiti in rimonta dai nerazzurri hanno ribadito lo scarso feeling dei giallorossi con le gare lontane dall’Olimpico.

In principio fu Cagliari, due punti buttati frutto di un secondo tempo tutto di marca rossoblù, con Borriello e Sau a completare la doppia rimonta. A Firenze, alla quarta giornata, ci ha pensato Badelj a spezzare l’equilibrio in campo con un tiro preciso (con Kalinic in fuorigioco) per l’1-0 viola, mentre a Torino la gara si è subito indirizzata per il verso sbagliato: Belotti all’inizio, poi doppietta di Iago Falque (in mezzo il rigore di Totti) per un 3-1 che ha fatto arrabbiare Spalletti. “Siamo presuntuosi“, le parole del tecnico, una presa di posizione che sembrava aver smosso l’orgoglio della squadra: a Napoli e contro il Sassuolo due vittorie preziose (1-3 in entrambe le sfide), vanificate dal pareggio (0-0) contro l’Empoli e dal brutto pomeriggio all’Atleti Azzurri.

In giro per l’Italia la Roma ha raccolto 8 punti in 7 partite (con 10 gol subiti su 14 totali), una media poco esaltante che la allontana dalla Juventus (12 punti in trasferta) e rischia di compromettere la corsa al secondo posto con il pressing di Napoli (11 punti), Milan (10 punti) e Lazio (9 punti). Tra le big, solo l’Inter ha fatto peggio dei giallorossi (6 punti in 6 partite).

Un altro campionato se si confronta con i risultati in casa: solamente 4 gol subiti e una media punti da scudetto (3), dati sui quali Spalletti dovrà lavorare molto per far crescere tutta la squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy