Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Roma, derby da impazzire: Lazio umiliata (3-0) e sorpasso in classifica

Getty Images

I giallorossi segnano tutti i gol nel primo tempo. Abraham mette la firma dopo 56 secondi poi raddoppia. Capolavoro di Pellegrini. Quinto posto raggiunto. Zaniolo resta a guardare

Valerio Salviani

La Roma vince il derby dominando la Lazio dal primo minuto all'ultimo. Una vittoria di carattere e qualità, che vale anche il sorpasso al quinto posto in classifica. La squadra di Mourinho vince 3-0, segnando nel primo tempo e controllando il risultato nel secondo. Man of the match assoluto Tammy Abraham, che segna dopo 56'' (la rete più veloce nella storia dei derby) e raddoppia al 22'. Al 40' capitan Pellegrini cala il colpo del k.o. con una punizione perfetta, che si spegne all'incrocio dei pali. Mourinho non sbaglia niente e vince il suo primo derby della Capitale. Ora la sosta, con il morale alle stelle e due mesi davanti che possono regalare ancora tante soddisfazioni.

Roma da sogno, doppietta Abraham e Pellegrini: 3-0 dopo 45'

 

Mourinho sorprende in avvio e mette Zaniolo in panchina. Confermato a sinistra il baby Zalewski, al primo derby da titolare. C’è Pellegrini, che recupera dalla febbre, ed è subito decisivo. Dopo appena 56 secondi la Roma passa in vantaggio. Il capitano batte un calcio d’angolo a rientrare che si stampa sulla traversa, mettendo fuori gioco Strakosha. Sulla ribattuta è bravo e fortunato Abraham che di coscia riesce a ribattere in porta. L’inglese segna il gol più veloce della storia del derby. La squadra di Mourinho sembra avere un altro passo. Al 9’ Pellegrini ha l’occasione di mettere la firma. Trovato in profondità, calcia sul primo palo con il sinistro, ma trova la risposta di Strakosha. La Lazio prova a spingere dalla parte di Zalewski, che soffre un po’ le discese del duo Marusic-Felipe Anderson. Ibanez però fa buona guardia alle sue spalle ed è sempre pronto ad accorciare.

La Roma gioca meglio, è concentrata e spietata. E al 22' segna il gol del 2-0. Rick Karsdorp si veste da Marcos Cafu, sfonda a destra e mette in mezzo un assist d'oro, che Abraham capitalizza senza problemi. L'inglese segna il 23esimo gol della sua stagione e trascina i giallorossi in un pomeriggio che può diventare indimenticabile. La Lazio è alle corde, la Roma è una furia e non molla un centimetro. La squadra di Mourinho continua a pressare offensivamente. Al 40' Oliveira si procura una punizione con l'esperienza. In battuta ci va Pellegrini, che come già successo due volte in questa stagione disegna un arcobaleno perfetto che va a finire all'incrocio dei pali. Terzo gol della Roma in 40' minuto, è un derby da sogno. Il capitano porta le mani alle orecchie in stile Marco Delvecchio. Due minuti più tardi i giallorossi sfiorano anche il poker clamoroso, ma stavolta il tiro di Mkhitaryan si stampa sulla traversa e finisce fuori. Nel finale Mourinho si infuria con i tifosi, che stavano facendo gli "olé". Non è il momento di abbassare la guardia, neppure in curva.

 Getty Images

Giallorossi in controllo: il derby è giallorosso

Nessun cambio nella ripresa. La Lazio parte meglio e prova a spingere per riaprire un derby fin qui da incubo. Al 50' Luis Alberto serve Immobile in area, l'attaccante controlla e poi calcia ma è bravo Cristante a chiudere. Sarri prova a mischiare le carte mandando in campo Romero e Cataldi, per Leiva e uno spento Felipe Anderson. L'occasione per la rete però ce l'ha ancora la Roma ed è clamorosa. Al 67' Cristante lancia lungo per Abraham, che si trova solo davanti a Strakosha. Sembra un gioco da ragazzi per il numero 9 che mette giù la palla ma calcia clamorosamente al lato. A un passo dalla tripletta sotto la Sud, l'ex Chelsea (di gran lunga migliore in campo non solo per i gol) si dispera.

Il match scorre veloce. Dopo aver spinto senza successo, la Lazio abbassa la pressione e sembra arrendersi piano piano a un destino che era segnato già nel primo tempo. L'ingresso di Lazzari dà un po' di spinta agli uomini di Sarri, ma Rui Patricio non è mai impegnato. Mourinho manda in campo prima Veretout, togliendo un ottimo Oliveira. Poi, a pochi minuti dalla fine, regala la standing ovation a Pellegrini, sostituito da Bove. La Lazio non riesce a creare nulla, chiusa da una Roma perfetta dal primo all'ultimo minuto. Il derby finisce 3-0 per la Roma, che pareggia il conto delle stracittadine stagionali e supera proprio i biancocelesti in classifica al quinto posto.

Il tabellino di Roma-Lazio 3-0

Marcatori: 1’, 22’ Abraham, 40’ Pellegrini

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Cristante, Oliveira (81’ Veretout), Zalewski (74’ Vina); Pellegrini (86’ Bove), Mkhitaryan; Abraham. A disp.: Fuzato, Boer, Maitland-Niles, Kumbulla, Zaniolo, Diawara, El Shaarawy, Carles Perez, Shomurodov, Felix. All.: Mourinho

LAZIO (4-3-3): Strakosha; Hysaj (52’ Lazzari), Luiz Felipe, Acerbi, Marusic; Milinkovic, Leiva (65’ Cataldi), Luis Alberto; Felipe Anderson (65’ Romero), Immobile, Pedro. A disp.: Reina, Adamonis, Patric, Kamenovic, Akpa Akpro, A.Anderson, Basic, Moro, Cabral. All.: Sarri.

Arbitro: Irrati. Assistenti: Imperiale, Berti. IV Uomo: Pezzuto. Var: Di Paolo, Ranghetti.

NOTEAmmoniti: 44’ Pedro, 48’ Karsdorp, 53’ Mancini, 61’ Lucas, 74’ Zalewski, 78’ Oliveira Spettatori: 51.932 Incasso: 2.390.751 euro