Real Madrid, Ramos: “Cambiare allenatore sarebbe folle. Guai a darci per morti”

Il capitano dei blancos: “Lotteremo fino alla fine, è nel nostro DNA. Dobbiamo essere uniti”

di Redazione, @forzaroma

Crisi Real Madrid. Con la sconfitta maturata ieri in casa dell’Alaves i Blancos vedono salire a 4 la striscia di partite senza vittorie tra campionato e Champions, addirittura con zero gol segnati. Uno score negativo clamoroso per la squadra di Lopetegui, il capitano merengue Sergio Ramos analizza il momento dei suoi dopo il ko di ieri: “È stato un duro colpo, non puoi mai perdere questa partita ma l’ultima occasione ci ha condannati. Ci è mancata la precisione in fase conclusiva, dobbiamo girare pagina perché la stagione è ancora lunga – riporta il sito ufficiale del Real Madrid -. Manchiamo di risultati, ma il gol arriverà e sicuramente lotteremo per i nostri obiettivi. In alcune fasi abbiamo dominato, ma alla fine abbiamo perso. Noi siamo i primi a sapere che possiamo migliorare. E’ importante essere uniti e non accusare nessuno, siamo tutti consapevoli della realtà ma dobbiamo restare calmi. Siamo arrabbiati e io, da capitano, lo sento. Nonostante i cattivi risultati dobbiamo provare a cambiare rotta e vincere le partite”.

Il difensore spagnolo risponde anche alle ipotesi di un cambio in panchina: Fare dei cambiamenti così importanti sta ad altri, non ai giocatori. Per la squadra non è buono un cambio di allenatore. Sarebbe folle, la squadra sta lottando per le prime posizioni. Se si dà il Real Madrid per morto si sbagilano, lotteremo fino alla morte perché è il nostro DNA ed è quello che abbiamo sempre fatto. Faremo tutto il possibile, vogliamo dare gioia ai nostri tifosi. La rosa? Ora non può essere rinforzata, anche se gli infortuni sono negativi per il gruppo perché si tratta di giocatori importanti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy