Raggi: “SPQR sigla non registrabile, tutti possono utilizzarla. Polemica surreale”

La sindaca: “Non sanno come far perdere tempo e denaro. In tutto il mondo l’acronimo viene associato alla città di Roma, è un’espressione della quale essere orgogliosi e sulla quale non andrebbero montate strumentalizzazioni politico-sportive”

di Redazione, @forzaroma

La scritta SPQR sulla maglietta indossata dalla Roma nel derby continua a far discutere. Questa volta a parlare è la sindaca Virginia Raggi, intervenuta su Facebook per provare a chiudere la discussione. Ecco le sue parole:

Non sanno come far perdere tempo e denaro e lanciano polemiche surreali ogni giorno. Ora è la volta della sigla S.P.Q.R. che potrebbe essere oggetto addirittura di un’interrogazione urgente in Aula. I consiglieri d’opposizione farebbero bene a soffermarsi sullo studio delle leggi e ad evitare spreco di denaro pubblico costringendo l’Assemblea capitolina a riunirsi per parlare del nullaLa scritta S.P.Q.R. è un’espressione di uso comune e, per questo, non registrabile: tutti possono utilizzarla. S.P.Q.R. è una sigla che in tutto il mondo viene associata alla città di Roma, è una espressione della quale essere orgogliosi e sulla quale non andrebbero montate strumentalizzazioni politico-sportive. Lo ripetiamo da tempo: l’opposizione pensi a lavorare. Le “urgenze” sono altre. In ogni caso, abbiamo verificato se in passato sia mai stato registrato dall’Amministrazione Capitolina un “marchio” figurativo (che è cosa ben differente rispetto alla sigla S.P.Q.R.) con lo scudo e la scritta. Lo faremo noi. Beninteso che la scritta “S.P.Q.R.” è e resta patrimonio del mondo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy