Questione di numeri, Fiorentina-Roma: secondo gol di testa di Keita, sesto rigore a favore della stagione

21esima partita consecutiva in Europa in cui la Roma subisce gol. Quella del Franchi è la nona trasferta in Europa League, la prima in Italia

di Redazione, @forzaroma

Un pareggio mezzo pieno. Dell’ultima striscia di ‘X’ della Roma, quello di ieri è uno dei più positivi. Da una situazione di svantaggio, abbinata alla sfortuna di due infortuni patiti in meno di mezz’ora dal calcio d’inizio, la squadra di Garcia è riuscita a recuperare una partita complicata. Un De Rossi tragicomico ha compromesso i piani della squadra. Ci ha pensato Keita a riportare la situazione sulla retta via, anche quando l’errore di Ljajic sembrava aver tagliato le gambe alla Roma. Al ritorno i giallorossi avranno a loro vantaggio un risultato in più (lo 0-0) e un Nainggolan in meno (squalificato). Un derby italiano tutto da giocare, con l’Olimpico sullo sfondo. L’uomo in più nei momenti di difficoltà.

0 – I successi della Fiorentina nei derby europei contro squadre italiane. Prima della Roma i precedenti si riferivano soltanto a sfide contro la Juventus. Dopo la partita di ieri il bilancio dei viola sale a tre pareggi e due sconfitte europee in cinque incontri con squadre italiane. Con la speranza che non sfatino il tabù nella partita di ritorno all’Olimpico.

2 – I gol di testa di Keita in stagione. Due incornate vincenti e molto importanti. In entrambi i casi si è trattato della rete dell’1-1. In campionato con la Juve, in Europa League contro la Fiorentina. Keita ragiona in mezzo al campo e ci mette la testa nei momenti di difficoltà. Terzo gol in stagione considerando anche quello di sinistro in campionato contro il Torino. Uno dei pochi a mantenere la giusta dose di lucidità e aggressività. Magnifico questo Rettore.

6 – I rigori fischiati a favore della Roma in questa stagione. Non tutti andati a buon fine. Per Ljajic è il secondo errore dal dischetto su tre tentativi. Totti ne ha realizzati due e De Rossi uno in Coppa Italia. In totale fanno quattro a segno e due senza successo. Quelli subiti invece sono soltanto tre, tutti trasformati ai danni dei giallorossi. In campionato il primato spetta al Milan che ne ha ricevuti a favore ben otto.

9 – Le partite giocate in trasferta in Europa League. Quella di ieri era la nona trasferta europea in questa competizione nella storia della Roma, oltre ad essere la prima in Italia. Il bilancio recita tre vittorie, tre pareggi e tre sconfitte. Situazione di equilibrio nei risultati, in positivo sul saldo dei gol: 13 subiti e 19 realizzati. Soltanto in un’occasione la Roma è riuscita a mantenere la porta inviolata in una trasferta di Europa League.

21 – Le partite consecutive europee in cui la Roma subisce gol. Una maledizione che continua a causare danni: da 21 incontri i giallorossi non riescono a concludere un match con la difesa inviolata. L’Europa è un terreno in cui manca esperienza, ma la squadra di Garcia concede troppo agli avversari. Sia che si tratti di Bayern che di Fiorentina.

26 – Il minuto di gioco del primo tempo nel quale la Roma aveva già effettuato due sostituzioni per infortunio. Nemmeno mezz’ora e De Rossi e Manolas erano ko. Garcia si è ritrovato costretto a fare entrare Pjanic e Astori a causa dell’indisponibilità a continuare dei due giallorossi partiti dall’inizio. Gli infortuni continuano a perseguitare la Roma: non manca una buona dose di sfortuna anche nei momenti più decisivi.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy