Quale allegria, Roma-Lazio 1-2 rivisto da Kansas City 1927

di Redazione, @forzaroma

Quanno sui tabelloni appare er faccione suo, all’inizio manca troppo poco pe pensà ad artro, eppure, l’impresa eccezionale di chi ha saputo essere straordinariamente normale ner tentativo de miglioracce la vita, compie er miracolo de facce arzà tutti in piedi, romanisti e laziali, a batte le mano pe svariati minuti.

Certo, quanno poi parte Attenti ar lupo, cantà e tornà a pensà ar derby è nunico, velocissimo e disperato erotico stomp, ma momenti così in uno stadio so rari, quasi inesistenti, da ricordà sempre, nela speranza che non debba pe forza morì quarcuno pe ripetese

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy