Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Primavera Roma, De Rossi: “Queste partite servono per formare i ragazzi”

Getty Images

La Roma primavera batte il Napoli e consolida il primo posto in classifica. Le parole di mister De Rossi al termine del match

Redazione

Alberto De Rossi ha parlato ai canali ufficiali della Roma commentando la vittoria importantissima contro il Napoli nella tredicesima giornata del campionato Primavera. Grazie al successo per 2-1 contro i partenopei, la Roma primavera mantiene il primo posto in classifica. Ecco le risposte alle altre domande poste al tecnico della Roma Primavera.

Sono tre punti pesanti al termine di una partita molto complicata.

"Sono contento della vittoria, ma sono molto dispiaciuto perché alla fine gli animi si sono inaspriti. In trent'anni che lavoro nel settore, non c'è mai stata acredine contro il Napoli. Qualche parola di troppo ci ha mandato un po' di traverso questo successo".

Dal punto di vista tecnico, forse meglio il secondo tempo del primo.

"Sì, assolutamente. Ma nel primo tempo bisogna dare atto al Napoli di averci pressato: non ci ha fatto giocare, ci ha messo in grossa difficoltà, ripartiva velocemente. I nostri centrocampisti non riuscivano a giocare. Nel primo tempo ci hanno affrontato a viso aperto. Nella ripresa qualcosa è cambiato, ma è stata una partita durissima. Loro hanno fatto una grandissima gara".

Vincere così è anche formativo, in certi versi?

"Assolutamente sì. Vincere questa partita per come si era messa, dal punto di vista sportivo è il massimo: è stata una giornata molto, molto positiva".

La sensazione è che questa squadra riesca a interpretare ogni singola partita: quando può giocare, quando c'è da duellare, da battagliare.

"Sì, e oggi c'era da battagliare. Forse, qualche duello lo abbiamo perso nel primo tempo, ma ci sono anche gli avversari e noi un po' siamo andati in difficoltà. Ma queste sono le partite che servono per formare i ragazzi, a differenza di quelle dal risultato scontato. Questo è diventato un campionato di Serie C, un campionato da adulti, ed è quello che vogliamo".