Primavera, Greco: “La Roma mi è entrata dentro, me la porterò dietro a vita”

Primavera, Greco: “La Roma mi è entrata dentro, me la porterò dietro a vita”

Il portiere parla della sua avventura in giallorosso

di Redazione, @forzaroma

Tra i migliori della Primavera della Roma in questa stagione c’è, senza dubbio, anche Stefano Greco. Il portiere ha mostrato grandi miglioramenti, diventando un punto di riferimento per i compagni. Il giovane numero uno si è raccontato in un’intervista ai media del club:

“Sono entrato 6 anni fa nella Roma e ho vinto qualche trofeo, è una bella soddisfazione, ne vado molto fiero. L’aver lasciato qualcosa in questa Roma che ha bisogno di vincere trofei è motivo di orgoglio. Vedere le foto sul muro è una bella soddisfazione”.

Il miglior ricordo?
La vittoria dello Scudetto nei Giovanissimi, l’ho vissuta da protagonista. Fu una vittoria che serviva, l’anno prima avevamo perso la finale.

L’impatto con la prima squadra?
Stare con loro è emozionante ma non mi sento ancora parte integrante, c’è tanto da lavorare ancora.

Mister De Rossi?
Lavora molto sui dettagli, è duro ma piacevole essere allenati da lui, ti fa crescere ed è quello che conta.

Cosa ruberesti a 3 portieri che hanno lavorato con te?
A Szczęsny la pazzia, ad Alisson la tranquillità e a Lobont l’esperienza.

Com’è il tuo rapporto con Olsen, Mirante e Fuzato?
Abbiamo un bel rapporto, sono grandi professionisti, lavorano sodo ogni giorno e ci aiutiamo a vicenda.

Quanto è stato difficile lasciare la tua Galatina?
L’inizio è stato difficile, a 15 anni sei giovane, ti mancano gli affetti. Qui però non sei mai solo, passi il tempo volontariamente. Il primo anno dopo Natale volevo tornare a casa ma per fortuna sono rimasto. La Roma mi è entrata dentro, è un ambiente difficile ma me la porterò dentro a vita, ovunque io sia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy