Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Pessina: “Grande partita della Roma, ma Abraham andava espulso”

Getty Images

Il centrocampista dell'Atalanta ha parlato a fine match

Redazione

L'Atalanta non è riuscita a uscire dall'Olimpico senza sconfitta. A fine match ha parlato Pessina, che ha fatto i complimenti ai giallorossi ma si è lamentato per la gestione dei cartellini da parte dell'arbitro.

PESSINA A DAZN

Cosa ti viene in mente riguardando gli highlight? "Mi viene in mente che hanno fatto una grande partita difensiva. Si vede da come hanno esultato alla fine. Quello che fanno lo fanno bene. Abbiamo fatto una partita discreta, potevamo fare di più, loro hanno fatto una grande partita".

L'Atalanta è l'unica squadra che gioca con un giocatore russo e uno ucraino e oggi hanno addirittura giocato insieme. Hai scritto una bella cosa sui social. "È difficile aggiungere qualcosa ora. La situazione è quella che è, cerchiamo di stare vicino a entrambi in questo brutto periodo".

Sei preoccupato? A questa squadra manca qualcosa, tipo un attimo di qualità? "Sicuramente ci manca un po' di lucidità. È difficile dato che sono due anni che giochiamo ogni tre giorni. Non vogliamo che sia un alibi, anche la mancanza di alcuni giocatori. Ci adattiamo, anche con un modulo diverso. Il metro arbitrale di oggi non l'ho capito. Ci hanno fischiato 5-6 spalla contro spalla e anche un fallo a Malinovskyi. Non capisco perché non rivedere il fallo di Abraham. Poi ecco anche la situazione di de Roon".

Abraham? "È un brutto intervento. Penso che sia uno di quei momenti in cui ci si poteva fare male... Non ho capito bene il metro di giudizio".

Tirati su, che adesso c'è una partita importante di Coppa. "Già, adesso facciamo sbollire dopo il viaggio. C'è una partita importante, vogliamo fare bene in Europa come in campionato. Ma essere contenti dopo una sconfitta sarebbe sbagliato".

Come mai ha scelto Miranchuk e non Pasalic? Quanto manca Zapata? "Sicuramente la sua assenza pesa. Cerchiamo di adattarci a un gioco diverso. Le palle lunghe con Zapata hanno un aspetto diverso. La scelta di Miranchuk da parte del mister penso fosse per tirare fuori Smalling e non dare punti di riferimento".