Perotti: “Sarà una stagione difficile. Mai pensato di andare via da Roma”

Perotti: “Sarà una stagione difficile. Mai pensato di andare via da Roma”

L’esterno argentino aggiunge: “Non andare al Mondiale è stata una delle più grandi delusioni che ho avuto”

di Redazione, @forzaroma

Diego Perotti, attaccante della Roma, si racconta ai microfoni di Crack Deportivo. Dall’esclusione Mondiale al momento che sta vivendo in giallorosso. Tanti i temi toccati dall’esterno argentino. Queste le sue parole:

Che stagione ti aspetti? Hai pensato di andare via dalla Roma?
Sarà una stagione difficile, molte squadre si sono rinforzate bene, non solo la Juventus con Ronaldo. Non ho pensato di andarmene, non è arrivata nessuna offerta e non ne ho avuto bisogno, qui a Roma sto bene.

Sul Mondiale
Non andare al Mondiale è stata una delle più grandi delusioni che ho avuto, inoltre sono rimasto fuori due volte, perché quando Lanzini si è infortunato sembrava che stessi per andare, ma hanno deciso di puntare su Enzo Pérez. Ho sofferto molto, ho avuto un mese molto amaro. In quel momento ho mescolato molti sentimenti, dopo aver raggiunto la semifinale di Champions e aver giocato tutto l’anno ho avuto la speranza e il desiderio di partecipare alla Coppa del Mondo. Quando stai alla porta fa male, avrei preferito non andare mai. Nessuno poteva dire che l’Argentina fosse candidata alla vittoria finale  per il modo in cui ci siamo qualificati. L’amichevole contro la Spagna ha fatto molti danni, molti giocatori hanno pagato il prezzo di quella partita.

Sampaoli?
Sampaoli ha forse commesso qualche errore, mi ha colpito il fatto che Enzo Pérez non era in squadra e poi ha giocato tre partite in Coppa del Mondo. Se l’Argentina fosse campione nessuno avrebbe parlato di Enzo. Messi era sotto pressione, anche se è il migliore e abituato a migliaia di finali. un intero Paese che ti aspetta per diventare Campione del Mondo non è facile da gestire.

Cosa ne pensi di Lautaro Martìnez?
Ha fatto un pre campionato impressionante, penso che farà molto bene qui per quello che è il calcio italiano. Spero che faccia peggio della Roma, ma che faccia bene (ride, ndr). E’ molto bravo.

Ronaldo in Italia avrà successo?
Per me Cristiano pagherà un costo perché qui non è la stessa cosa. C’è molta differenza rispetto al Real Madrid, dove ci sono giocatori mentalmente allenati in un altro modo, le loro teste sono diverse.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy