Perez: “Il Barça mi ha tolto un sogno. Discoteca? Capisco i tifosi, ma sono qui per lavorare”

Perez: “Il Barça mi ha tolto un sogno. Discoteca? Capisco i tifosi, ma sono qui per lavorare”

L’esterno spagnolo: “Sono venuto con l’umiltà di guadagnarmi minuti. Sono qui per aiutare la squadra. Dopo il gol al Gent sono rimasto senza fiato. Che tifosi…”

di Redazione, @forzaroma

Non ha più bisogno di presentazioni Carles Perez. Nelle sue prime apparizioni in campionato aveva già provato a riaccendere la Roma durante i suoi blackout, ma il gol debutto è arrivato in Europa League giovedì sera, contro il Gent. Lo spagnolo si racconta in un’ intervista a Mundo Deportivo, in cui parla del suo rapporto col Barcellona e delle sue aspirazioni nella Roma. Di seguito le sue dichiarazioni.

Debutto come titolare e gol in Europa League. Sei riuscito a dormire ieri notte?
“Sì (ride, ndr). È stato qualcosa di importante per me. Non ci ho pensato affatto. Lo volevo e me lo sentivo, ma non ero sicuro di poter segnare. Sono molto felice di aver contribuito alla vittoria della squadra dopo un periodo difficile.”

Per un attaccante è sempre bene iniziare a segnare.
“Avevo alle spalle già tre partite in panchina e ogni volta mi sentivo sempre di più a mio agio. Ho avuto la prima opportunità come titolare e la volevo sfruttare. In avanti abbiamo bisogno di sicurezza e fiducia in noi e cosa c’è di meglio del gol per ottenerla. Nutrivo già fiducia nell’allenatore, nella società e nei compagni di squadra, quindi spero di continuare così.”

È arrivato con l’aura del giocatore del Barça. È passato dall’essere il ragazzo che ha scalato la cima a uno dei giocatori che genera più aspettative nella Roma. Come porti questo impegno?
“Super bene, come sempre. Sono stato un giocatore umile e laborioso e non devo essere né sentirmi al di sopra di nessuno. In una squadra siamo tutti uguali e sono venuto con l’umiltà di guadagnarmi minuti. Sono qui per aiutare la squadra.”

Caspita, questo non aggiunge pressione?
“No. Ringrazio il club per avermi nelle condizioni di essere qui, ma vengo ad aggiungere. Sì, qualcosa cambia perché nel Barça avevo un altro ruolo, ma il mio unico obiettivo è lavorare sempre. Spero di dare molti assist e gol alla squadra.”

A livello mediatico è anche passato in un mondo completamente diverso. Hai sofferto i primi giorni dove sei stato ripreso in una discoteca di notte con i suoi amici? Il fatto è stato discusso più in Spagna che in Italia.
“Ho visto quello che è uscito in Spagna e non vale la pena rispondere, né fare nomi. Nella presentazione della squadra ho chiarito come le informazioni fornite da alcuni giornali in Spagna non fossero vere. Per iniziare, non me ne sono andato dopo la partita. Abbiamo giocato venerdì e sono uscito a cena sabato con alcuni amici perché domenica avevo il giorno libero e alla fine sono nuovo qui a Roma. Comprendo e rispetto che alcuni tifosi che potrebbero sentirsi turbati e chiedo perdono. Ma insisto, sono venuto qui per lavorare.”

Tutto è stato molto veloce. Prima squadra del Barça, giochi, segni gol, rinnovi. E improvvisamente, sei fuori. Dicci la tua versione.
“È difficile spiegare perché non so nemmeno io cosa sia successo. Non mi hanno dato le spiegazioni che mi dovevano dare, almeno quelle reali. L’allenatore mi disse che non contava su di me perché aveva più persone nel reparto avanzato. Anche se me lo hanno detto 10 giorni prima della chiusura del mercato quando il nuovo allenatore era cambiato da un po’. Ma il Barça è il mio passato adesso, il mio presente è a Roma e voglio essere un giocatore importante per loro.”

Avevano più giocatori nel reparto avanzato, ma ora hanno dovuto prendere Braithwaite,  dai Leganés, per avere un ruolo simile al suo.
“A volte vengono prese le giuste decisioni e altre volte no. E ora devono arrangiarsi da soli. Penso a quello che ha detto Cucurella. Nel Barça vuoi sempre vincere, ma non hai più pazienza con i giocatori giovani. Ma anche io non voglio approfondire molto questo argomento Alla fine sono grato al Barcellona per tutto ciò che mi ha dato. Tutto quello che so di aver imparato lì mi ha permesso di raggiungere un grande club come Roma. Penso che alla fine non si siano comportati bene, ma sono grato.”

Fa male.
“Più che altro di proposito. Sono un ragazzo che ha dato tutto per il Barça fin dall’infanzia. Il mio sogno era quello di raggiungere la prima squadra, l’ho raggiunto e ora è stato presa questa decisione senza motivo. E di più con le partite che stavo facendo. Parlano molto della cantera e alla fine dimostrano il contrario. Comunque, non ho una brutta immagine del Barça, gli sono grato, ma non mi sono piaciute le forme. Niente di più.”

Di tutte le cose belle di questi anni, cosa tieni?
“Sono molto grato soprattutto agli allenatori. Una persona molto importante per me, che mi ha fatto rimanere negli ultimi due anni, è stata García Pimienta, una delle migliori coach che ho avuto. E poi prendo anche grandi compagni, amici, persone nello staff…  Vi ringrazio. Anche i compagni della prima squadra, tutti mi hanno trattato molto bene e mi hanno accolto alla grande. Allo stesso tempo, vorrei evidenziare Ernesto Valverde, che mi ha dato la possibilità di poter debuttare e giocare nella squadra dei miei sogni sin da quando ero piccolo.”

Il Barça ha mantenuto un’opzione sul riaccquisto. Potresti tornare un giorno?
“Da quando sono partito non ci ho più pensato. Il Barça è il passato e ora mi concentro sulla Roma, anche se non so cosa accadrà in futuro.”

Hai dovuto lasciare il club della sua vita e smaltire rapidamente per iniziare un nuovo progetto. Avevi diverse proposte. Perché la Roma?
“Avevo molte offerte da Germania, Italia, Spagna … Fonseca mi ha chiamato e ho parlato con lui. Quando l’allenatore ti chiama, è perché ha fiducia in te. Mi ha convinto di ciò che mi ha detto, di ciò che mi ha trasmesso. Ho guardato il club, la squadra, la città e mi andava bene. Non ho sbagliato e sono felice di essere qui.”

Quale obiettivo hai con la Roma?
“Crescere come giocatore. Il campionato spagnolo è diverso e dopo la mia tappa al Barça qui posso migliorare sotto molti aspetti. Voglio diventare un giocatore importante qui e tanto altro, dopo quello che ho vissuto dopo il gol al Gent con i tifosi. Sono rimasto senza parole.”

In Italia stai seguendo le notizie da Barcellona? Perché veniamo da una settimana intensa.
“No, sono sincero. Mi sono disconnesso. Sono arrivato in un nuovo club e volevo concentrarmi sulla Roma. Le cose accadono perché il Barça è rinomato in tutto il mondo, ma ora non è qualcosa che mi preoccupa. Sono concentrato sulle partite che abbiamo, che sono molto importanti e dobbiamo vincere di nuovo in campionato.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy