Pellegrini conquista la Roma e insidia Strootman. DiFra, ora chi scegli?

Lorenzo e Kevin, il giovane in rampa di lancio e il campione che deve ancora del tutto ritrovarsi. I numeri sono (quasi) tutti dalla parte dell’ex Sassuolo, e ora la maglia da titolare non è più così scontata per l’olandese

di Luca Benincasa Stagni, @lucabeninstagni

Verona e Qarabag non potevano bastare, serviva una prestazione da big. E la prestazione è arrivata. Sotto le luci di San Siro, in una partita difficile da sbloccare. Contro il Milan, Lorenzo ha carpito il “diem”, l’attimo giusto. E da semplice ragazzo di bottega, è diventato “l’ultimo legionario”. Lui, De Rossi e Florenzi, i tre romani del post Totti. Entrato a freddo per il ko di Strootman, ha avuto un impatto decisivo: assist per Florenzi, maggior respiro per Nainggolan e un pressing costante su Biglia e Kessie. Sì, proprio Kessie che in estate doveva arrivare al suo posto. Fermiamo il nastro un attimo, però. Esattamente al momento in cui l’olandese esce dal campo e l’ex Sassuolo entra. Ecco. La Roma ha un romano doc in più, ma un olandese in meno. Che possa diventare una costante? Vedremo. Per ora, Pellegrini continua a lavorare sottotraccia e ad imparare dai suoi compagni più esperti. Ma domenica ha alzato la voce. E in molti l’hanno sentito. Pellegrini conquista la Roma e insidia Strootman. DiFra, ora chi scegli?

Caricamento sondaggio...

ENFANT PRODIGE VS VETERANO – Ci sono tanti fattori da prendere in considerazione. Il primo, il più banale, è l’età. I 21 anni di Pellegrini contro i 27 di Strootman. Da un lato, la voglia di lottare per i colori che ha tatuati sul cuore. Dall’altro la consapevolezza di chi sa già di averle conquistate, la città e la squadra. All’età si legano due aspetti: il margine di miglioramento e l’esperienza. La partita finisce 1-1. Lorenzo sta dimostrando una crescita costante partita dopo partita. Ha iniziato dal caos dettato dalla troppa voglia di fare, ma adesso sta capendo che con un po’ di ordine va tutto molto meglio. Strootman, invece, sembra essere arrivato all’apice della sua carriera e le prestazioni sono più o meno continue. Di certo, la grinta e la personalità non gli manca. Chi sta fermo per due anni e poi riesce a competere da titolare in una squadra da 87 punti in serie A non deve aggiungere nient’altro al suo biglietto da visita. E forse è per questo suo essere gladiatore in mezzo al campo che Di Francesco sembra ancora preferirlo a Pellegrini. L’ex Sassuolo, invece, ha dalla sua il conoscere praticamente a memoria gli schemi del tecnico abruzzese e quella voglia di spaccare il mondo che a 27 anni è difficile avere. Ed a premiarlo sono anche i numeri.


DIFESA – Rifacendosi al sito esperto in statistiche Whoscored.com, il primo dato che salta agli occhi è che Pellegrini in questo avvio ha giocato 170 minuti in meno di Strootman, ma ha fatto molto di più. In difesa, il giovane romano sta già dimostrando numeri importanti. Innanzitutto, è più difficile dribblarlo. Pellegrini è stato saltato in maniera secca dal diretto avversario 4 volte in serie A, mentre Strootman solo con il Benevento si è fatto passare ben 3 volte. Peggio ha fatto solo con l’Atletico. In quel match tutto nervi e deciso dalle parate di Alisson, Kevin ha subito 4 dribbling. E si vede anche che recuperare i palloni non è sempre così facile per lui. A parte negli ultimi 8 minuti contro il Qarabag, Strootman concede almeno un fallo (con l’Atalanta addirittura 4) a partita. Il che ovviamente può creare pericoli per la porta romanista. Pellegrini, invece, sta cercando di migliorare e dai 3 falli all’esordio dal 1′ davanti ai suoi tifosi nell’Olimpico è passato all’unica punizione concessa al Milan domenica scorsa. Dal confronto si vede addirittura che l’ex Sassuolo vince in media più contrasti a partita (1,8 contro l’1,4 dell’olandese) ed intercetta più del triplo di palloni (1,3 vs 0,4). Due piatti forti del nazionale Oranje.

DOMINIO IN ATTACCO – E se in difesa Pellegrini si aggiudica il set, in fase offensiva chiude definitivamente il match. Il pupillo di Di Francesco è molto più pericoloso nei pressi dell’area di quanto non lo sia Strootman. A parte i due assist già messi a segno (a Manolas col Qarabag e a Dzeko col Milan), Pellegrini è devastante quando si tratta di trovare la linea giusta di passaggio. Il confronto tra i due è impari. Lorenzo di media smarca i compagni 2 volte a partita, Kevin ce ne mette tre per arrivare allo stesso numero. Col Verona sono addirittura 5 i passaggi chiave effettuati dal classe 1996. Pellegrini, poi, tira più del doppio delle volte verso la porta avversaria (media di 1 a gara contro lo 0,4 di Strootman) e perde meno contrasti nelle zone calde della metà campo avversaria (0,3 vs 1). Dove il numero 6 esce ancora vittorioso è nel numero di palle perse (1,8 vs 1,2) e nei dribbling.


A DIFRA LA SCELTA – Quello che forse fa ancora realmente la differenza sono i palloni che passano tra i piedi dei due. Strootman ne lavora molti di più e la squadra si appoggia spesso sui suoi quadricipiti. Pellegrini deve ancora migliorare sotto questo punto di vista, anche se non ha nulla da invidiare in quanto a percentuali di passaggi riusciti. Quest’ultimo dato, anzi, è suo favore. Cosa ovvia, se si pensa che ne gioca mediamente 13 in meno del compagno. A questo punto, la scelta spetta solo ed esclusivamente a Di Francesco. Una scelta delicata, dato che si tratta di due giocatori molto amati dalla tifoseria. Eppure, una decisione gestionale perfettamente nelle corde del neo-tecnico giallorosso, che sta dimostrando di saper gestire al meglio la rosa della Roma. Per il momento, tutti si augurano che col Napoli Eusebio possa contare su entrambi. Difficile, se Strootman starà bene, che Di Francesco possa prescindere dal suo carisma. Ma il Pellegrini visto a Milano è davvero tantissima roba.

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. paolopa - 3 anni fa

    Io più che avere dubbi per chi far giocare direi per fortuna che ci sono. Con tutte le competizioni che dobbiamo affrontare c’è spazio in abbondanza per entrambi. Leggo ultimamente che, sia fra i “commentatori addetti ai lavori” che fra i tifosi, Dzeko è diventato un super eroe (giustamente visto come gioca) quando all’incirca un anno fa tutti lo avrebbero cacciato …… anche a pedate per giunta. Vorrei ricordare che fu acquistato da Sabatini e che fu Spalletti ad insistere per farlo giocare e non cederlo nel mercato estivo. Dico questo a tutti quei commentatori che ancora criticano Sabatini e Spalletti per i grandi “danni” che avrebbero fatto a alla Roma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. encat - 3 anni fa

    mah, Strootman va un po’ a strappi, mi sembra che non si sia mai ripreso completamente dall’infortunio che lo ha tenuto fuori per un anno e mezzo. Pellegrini è più giovane e ha tecnica, io gli darei più spazio, tenendomi Strootman per le partite in cui è richiesta maggiore esperienza (tipo la CL)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy