Paulo Sergio: “La cosa più bella di stasera è Alisson, ma la Roma ce la può fare”

L’ex attaccante giallorosso: “La squadra di Di Francesco è stata bella solo nel primo tempo, ma nella ripresa ha sofferto molto. Under? Bisogna aspettare un po’”

di Redazione, @forzaroma

La Roma cade 2-1 in casa dello Shakhtar Donetsk nell’andata degli ottavi di finale di Champions League. Partita a due facce per i giallorossi, che nella ripresa crollano e si fanno rimontare. Ai microfoni di Roma Tv, l’ex attaccante capitolino Paulo Sergio ha detto la sua sulla partita.

Che ne pensi di questa Roma?
Abbiamo visto una bellissima Roma solo nel primo tempo, ma il meglio della partita è stato Alisson. Con il 2-1 la Roma ce la può fare nella prossima partita, visto che gioca in casa. Nella ripresa ha sofferto moltissimo, ha avuto pressione nelle scelte stando in trasferta, ma rimane una grande squadra.

Questione mentale o fisica?
Non credo sia fisica, perché la Roma ha giocato fuori e non aveva pressioni per il risultato. Ha fatto benissimo nel primo tempo ma ci si aspettava che lo Shakhtar sarebbe uscito nel secondo tempo. Ha fatto due gol, ma rimane tutto aperto per la prossima partita.

Su Under.
Dobbiamo aspettare un po’, l’aspetto più importante in un attaccante è sempre il gol. I tifosi devono aspettare, ma in futuro può fare molto bene.

Lo Shakhtar giocherà così anche all’Olimpico?
I brasiliani dello Shakhtar in Brasile non hanno fatto benissimo e i tifosi non li hanno rimpianti, ma qui giocano con velocità. E’ una bellissima squadra.

Il 4-2-3-1 è giusto per la Roma?
Mi piace moltissimo quando gioca 4-4-2, uno dei due attaccanti deve tornare e aiutare la squadra a centrocampo. La squadra è molto compatta in mediana, la Roma può fare bene con questo modulo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy