Palermo, Hernandez: “La Roma mi evoca ricordi piacevoli. Non possiamo sbagliare questa partita”

di Redazione, @forzaroma

Conferenza stampa al Tenente Onorato di Boccadifalco dell’attaccante del Palermo Abel Hernandez.

Hernandez sulle sue condizioni post Cagliari: “Dopo quella partita ho accusato dolore per una botta presa. In settimana le mie condizioni sono peggiorate e non ce l’ho fatta a recuperare. Adesso però sto bene. Con la Roma vorrei giocare ma dipende dal mister. Se giocherò sarò felice altrimenti farò il tifo per i compagni. Mi sto allenando al massimo e sono fiducioso: se giocherò farò il possibile per fare bene”.

Hernandez su Sabatini: “Devo ringraziarlo perchè è lui che mi ha aperto le porte dell’Europa. Sarà un piacere rivederlo”.

Hernandez sullo staff medico: “Lo ringrazio perchè mi hanno curato bene in questi tre mesi e mezzo”.

Hernandez sulla Roma: “Mi evoca ricordi piacevoli per quella doppietta realizzata all’Olimpico. Sono consapevole che non sarà la stessa partita. Dobbiamo essere forti perchè questa partita non possiamo sbagliarla, dato che veniamo da due sconfitte di fila. Tuttavia, il Palermo è in grado di battere la Roma”.

Hernandez sulle recenti sconfitte: “Abbiamo perso con il Milan che è la squadra che vincerà il campionato. Mettiamoci alle spalle queste due sconfitte e adesso dobbiamo dimostrare di essere in grado di poter battere la Roma”.

Hernandez sui suoi infortuni: “Non sono felice di ciò che mi è accaduto in questi due anni. Adesso spero di poter dimostrare ciò di cui sono capace. D’ora in poi vorrei giocare sempre”.

Hernandez sulla coppa America: “Sicuramente un po’ mi ha penalizzato perchè ho saltato parte della preparazione. Però gli infortuni possono capitare in qualsiasi momento della stagione”.

Hernandez sull’interesse della Roma: “Penso solo a giocare. Non penso al futuro, penso solo a dimostrare quello che posso fare. A Palermo sto molto bene e sono felice, non penso ad altro”.

Hernandez sul suo momento più brutto: “Quando mi sono infortunato nella partita con il Bologna, perchè sapevo già a cosa sarei andato incontro. Per fortuna però la mia famiglia mi è stata vicina e mi ha aiutato a superare tutto”.

FONTE reterete24.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy