Osvaldo: “L’amore dei romanisti è talmente grande che diventa odio. Totti? Ascolta musica pessima”

Osvaldo: “L’amore dei romanisti è talmente grande che diventa odio. Totti? Ascolta musica pessima”

L’ex calciatore giallorosso: “Questa città significa molto per me, ho bellissimi ricordi, tantissimi amici: e ora che non gioco più nella Roma è bellissimo tornarci”

di Redazione, @forzaroma

L’ex calciatore, ora cantante, Pablo Daniel Osvaldo ha rilasciato un’intervista a “La Nazione”. Queste le sue parole sulla Roma, club nel quale ha giocato per due stagioni, dal 2011 al 2013: “Roma significa molto per me, ho bellissimi ricordi di questa città, tantissimi amici: e ora che non gioco più nella Roma è bellissimo tornarci. Purtroppo lì i tifosi ti amano di un amore talmente grande che alla fine finisce di trasformarsi in odio”.

Quando vede un pallone, che effetto le fa?
Lo prendo e comincio a palleggiare. Il calcio è una delle cose più belle della vita, il problema sono quelli che ci lavorano. 

Il compagno meno rock che ha avuto in squadra?
Beh, ovviamente Francesco. 

Totti?
Sì, perché ascolta musica davvero pessima (ride, ndr). Ora che torno a Roma lo incontrerò e mi dovrà regalare il libro perché io compro quelli di Bukowski, non i suoi (ride ancora, ndr). 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 5 mesi fa

    se uno si comporta male come ha fatto lui, beh non si può certo aspettare il tappeto rosso, anzi troppo bene lo abbiamo trattato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy