Olanda, capitan Strootman guida la rivoluzione: “È il momento di cambiare”

Il centrocampista della Roma pronto a diventare il vero leader della sua nazionale: “Giuste le critiche ricevute, ma adesso stiamo entrando in un nuovo ciclo e vogliamo risollevarci”

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

Ventotto anni e trentanove presenze con l’Olanda, ora Kevin Strootman è pronto a prendersi in mano la nazionale e guidarla verso la rinascita, probabilmente con la fascia da capitano al braccio (in ballottaggio con van Dijk). Gli Orange ripartono dal centrocampista della Roma dopo la delusione dell’eliminazione dal Mondiale in Russia. “Stiamo entrando in un nuovo ciclo, con un nuovo ct e un diverso staff tecnico – ha dichiarato Strootman dal ritiro della nazionale -. Tutto è nuovo ma mi piace”.

L’Olanda è pronta per ripartire, dimenticando le polemiche e cambiando marcia. A cominciare da Strootman, uno dei più criticati nelle ultime uscite degli Orange: “Le critiche sono normali quando non gioco bene, le ho accettate perché anche questo fa parte del mestiere. Sono il primo a sapere che in questo momento bisogna solo migliorare”.

Il centrocampista della Roma guiderà la sua Olanda nelle sfide contro Inghilterra e Portogallo. È pronto a diventare il leader della sua nazionale, per farla tornare ai livelli che merita e guidarla verso l’Europeo: “Ho 28 anni, è il momento di farlo. E ho bisogno di giocare un torneo importante con la mia Olanda”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy