Nuno Campos: “Insieme a Fonseca stiamo visionando giocatori che potrebbero interessarci”

Poi aggiunge: “L’aspetto atletico lo gestisce Nuno Romano che si collega in video conferenza con i giocatori”

di Redazione, @forzaroma

Nuno Campos, vice di Fonseca, lavora con Paulo da ormai 15 anni e tra i due, come detto più volte anche dallo stesso tecnico non c’è solamente un rapporto professionale ma anche d’amicizia. Il secondo allenatore giallorosso ha rilasciato una lunga intervista a Tribuna Expresso affrontando tantissimi temi: dalla quarantena ai giocatori che sta visionando per il futuro. Queste le sue parole:

Sei in italia?
Sì, sono a Roma, da solo, perché la mia famiglia è a Esposende.

Come va l’isolamento?
Non è un momento facile, né per me né per nessuno, perché siamo confinati nelle nostre case. A volte esco un po’, ma solo qui accanto all’edificio, dobbiamo rispettare ciò che ci è stato imposto, perché la cosa più importante è superare questo momento. Faccio esercizio fisico e vedo alcuni giocatori che potrebbero interessarci, lo faccio insieme a Paulo. A volte lavoriamo anche insieme, ma ovviamente è un lavoro completamente diverso da quello a cui eravamo abituati. È un momento difficile per tutti.

Riesci a fare qualche lavoro con i giocatori?
Sì, Nuno Romano lavora di più su questa parte fisica e lavora con i giocatori ogni giorno. Fanno videoconferenze congiunte sulle piattaforme esistenti, anche in linea con il dipartimento medico del club, perché ci sono anche giocatori che si stanno riprendendo da infortuni. È un lavoro quotidiano ed è più come Nuno che si occupa di quel lavoro, ma abbiamo ricevuto i messaggi e siamo andati online..

In questo isolamento sei stato attivo sui social network, in particolare nella “quarantena da bola” , anche parlando con altri allenatori.
Più del solito [ride, ndr].

José Boto ti ha descritto come “una delle persone in Portogallo che meglio conosce il calcio e lo spiega”. Non hai voglia di condividere il tuo modo di lavorare?
No, non abbiamo quel tabù di non condividere il nostro pensiero sul calcio. Penso che le persone oggi abbiano accesso a molte informazioni, ma a volte ottengono un’idea sbagliata da alcuni allenatori. Penso che quando dimostriamo il nostro pensiero sul gioco, riveliamo esattamente in che direzione vogliamo andare.  Ho avuto ottime conversazioni con Boto, perché è una persona molto esperta e mi piace parlare con persone che capiscono quello che stiamo dicendo.Preferisco non essere in conflitto con nessuno, ognuno difende ciò che vuole. Naturalmente, trovo più facile parlare con persone che condividono la mia visione del gioco. Boto è uno di questi, perché gli piacciono le squadre che prendono il controllo del gioco, che sono protagonisti, che apprezzano la palla, che valorizzano il giocatore.

Come conosci Paulo Fonseca?
È una storia interessante, perché non ho mai giocato con Paulo nella stessa squadra, abbiamo sempre giocato l’uno contro l’altro. Ma avevamo amici in comune, in particolare uno, che è Quim Zé, il direttore sportivo del Mafra. Paulo era anche addestrato da Jesus e forse questa coincidenza nell’idea di gioco ci rende più vicini gli uni agli altri. Quim Zé ci ha permesso di discutere molto sull’idea del gioco e, a volte, Paulo aveva bisogno di un assistente per allenare nelle juniores di Estrela. Ha ha fatto il mio nome a Quim Zé e abbiamo cominciato.

Ci sono state delle difficoltà arrivati a Roma?
Sì, quando siamo arrivati ​​a Roma c’erano delle difficoltà. È un campionato difficile, in cui gli allenatori preparano molto bene le partite. Questo cambia la direzione del nostro pensiero? No. Possiamo avere una sfumatura o un’altra, anche le caratteristiche dei giocatori possono essere importanti per questo, ma la maggior parte del nostro modello di calcio non cambierà mai. Vogliamo essere protagonisti e vogliamo sempre controllare il gioco per dominarlo, perché in questo modo difendiamo meglio.

Come è cambiato il vostro modo di approcciarvi alle partite in Italia?
Ad esempio, le differenze nella prima fase della costruzione sono cose che i giocatori percepiscono facilmente e non vedono come un grande cambiamento. Qui in Italia, i giocatori sono abituati a lavorare in modo molto tattico con gli allenatori .Nella prima fase di costruzione abbiamo diverse soluzioni e già le dominano. Sotto pressione anche abbiamo diversi modi di giocare a seconda dell’avversario. Ma, nel mezzo di queste due cose, ce ne sono molte altre che sono difficili. Non possiamo addestrare tutto, perché non abbiamo tempo, né possiamo sempre dare feedback su qualunque cosa.

Cosa pensi che manchi ancora alla Roma.
La Roma è un club fantastico. Questo è considerato l’anno zero per tutti, è l’anno in cui abbiamo iniziato a costruire un’idea di gioco, a voler costruire una squadra forte, che richiede tempo e, naturalmente, potremmo aver bisogno di alcuni rinforzi. Penso che abbiamo già gettato le basi per la prossima stagione per essere migliori. L’obiettivo è quello di essere al 4 ° posto. Siamo molto contenti di tutti, infatti, siamo innamorati della città e del club, perché le persone sono state tutte fantastiche, remando nella stessa direzione, cercando di aiutare e abbiamo un ottimo feedback da parte dei giocatori e dello staff. Abbiamo avuto molti infortuni, ma era un problema che veniva anche dal passato. In questa stagione abbiamo il 16% di infortuni in meno rispetto alla scorsa stagione a Roma, che sembra strano, perché sono stati tantissimi. Ma il primo fattore per gli infortuni è la storia passata. Anche nelle lesioni muscolari, la percentuale è diminuita molto. Abbiamo anche avuto un problema con i campi e qui e il club ha fatto un grande sforzo e ha cambiato tutti i terreni dove ci alleniamo. Penso che tutti abbiano cercato di aiutare. Paulo Fonseca è uno aperto alla discussione e mi sento privilegiato a far parte del suo team. Penso di poter parlare anche per tutti gli altri elementi, perché abbiamo totale apertura per discutere di tutti gli argomenti che vogliamo. Non solo noi, ma anche l’intera struttura del club. Naturalmente Paulo prende la decisione finale, ma il dibattito sulle idee ci consente sempre di aggiungere qualcosa e i dubbi ci fanno riflettere. La decisione viene successivamente presa da Paulo, ma ascolta tutti. È un grande piacere e un’enorme felicità per me poter lavorare in questo contesto, con un team tecnico che considero uno dei migliori al mondo, grazie al modo in cui discute e discute di tutto. Questo per dirti che questo è il nostro anno zero e che il tempo ci aiuterà a consolidare ulteriormente le cose. Quando la stagione si è fermata stavamo di nuovo bene, ma prima abbiamo avuto un periodo meno buono, anche a causa di infortuni ai giocatori chiave e non è facile superare questi momenti. Stavamo crescendo e penso che i giocatori siano soddisfatti.

Qual è stata la squadra più impegnativa che avete affrontato in Italia e all’estero?
Comincio dall’esterno, perché allo Shakhtar, nonostante abbiamo vinto tutti quei titoli, penso che la nostra visibilità provenga da quell’anno in cui abbiamo sconfitto City e Napoli nel fase a gironi di Champions e abbiamo raggiunto la straordinaria impresa di passare alla fase a eliminazione diretta.

Sull’Atalanta
L’allenatore ha il merito di aver creato qualcosa di importante anche grazie ai tre anni di allenamento precedenti. Abbiamo giocato una partita in casa loro dove eravamo molto ben preparati sulla fase difensiva. Abbiamo finito per perdere, ma è stata un’ingiustizia, perché praticamente non hanno creato possibilità. Gasperini ha un gruppo di lavoro con giocatori molto aggressivi e fisicamente forti ed è per questo che riesce ad avere molto successo con quel tipo di marcatura.

Quando siete arrivati a Roma, Totti se n’è andato perché ha detto di non essere stato consultato in merito al vostro ingresso. Avevi paura che le sue parole potessero avere un effetto negativo sui tifosi?
Non abbiamo parlato con Totti, ma ovviamente abbiamo tutto il rispetto per lui. È un dio a Roma perché ha una carriera incredibile. Quando parli di Roma, parli di Totti. Penso che sia naturale quello che detto perché magari non ci conosceva, penso che sia normale. Totti poi ha rilasciato altre interviste dicendo che siamo molto bravi, che possiamo aiutare Roma e anche che abbiamo bisogno di rinforzi. Questo non è da tutti, perché doveva andare contro ciò che aveva detto precedentemente. Totti merita tutto il nostro rispetto ed è un grande piacere sentirlo dire dalla sua bocca. Siamo innamorati di Roma, onestamente, è un grande piacere essere qui.

Un giorno ti vedremo come primo allenatore?
Avere un capo allenatore come Fonseca mi mette in una posizione comoda. Posso esprimermi su tutto, condurre gli allenamenti, sentirmi utile e felice. Non sento il bisogno di diventare primo allenatore. E non si tratta di comfort, perché se c’è un staff tecnico che è sempre insoddisfatto è il nostro, perché discutiamo sempre di tutto per migliorare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy