Novellino: “La Roma ha azzerato il divario con la Juventus”

L’ex tecnico del Modena parla della situazione dei giallorossi: “Dal 2001, dall’ultimo Scudetto conquistato in panchina da Capello, questa è la Roma migliore. Dzeko sarà lo straniero più decisivo”

di Redazione, @forzaroma

A poco più di 24 ore all’inizio del campionato è quasi scaduto il tempo dei pronostici. A partire da domani la nuova Serie A comincerà ad emettere i suoi verdetti e in 9 mesi ci dirà chi aveva ragione e chi torto. Tra gli ultimi a dire la sua è stato Walter Novellino che, intervistato dal Corriere dello Sport, ha indicato “l’equilibrio” coma la vera novità della stagione.

Difficile che la Juventus possa ricoprire un ruolo da padrona come è avvenuto negli ultimi quattro anni. Questo non significa che non abbia i mezzi e le risorse per confermarsi campione d’Italia, però penso che soprattutto nei confronti della Roma il divario si sia azzerato“.

La Roma partirà dunque da principale rivale della Juventus, merito di una sessione di mercato che, secondo Novellino, l’ha rinforzata di molto: “Sabatini ha svolto un ottimo lavoro. Dal 2001, dall’ultimo Scudetto conquistato in panchina da Capello, questa è la Roma migliore. Dzeko e Salah sono stati due splendidi colpi. Ho letto che cercano Santon: ecco questo è un giovane di valore che ha le potenzialità per emergere in maniera definitiva. Sarà ancora l’anno di Totti, io l’ho sempre considerato un altro Rivera: cambia da solo l’esito della partita. Nessuno riesce a verticalizzare il gioco come lui, i suoi lanci sono perfetti per le caratteristiche di Dzeko e Salah. Il bosniaco sarà lo straniero più decisivo, la sua storia mi ricorda quella di Tevez“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy