Nicolini (vice ct Turchia): “Under è il futuro della nostra nazionale. Che bravo Di Francesco”

Il secondo di Lucescu ha parlato del classe ’97: “E’ cresciuto molto, soprattutto grazie alla sua umiltà e alla sua professionalità”

di Redazione, @forzaroma

Cengiz Under è l’uomo del momento per la Roma, con ben 4 gol segnati nelle ultime 3 partite. Dopo Verona, Benevento e Udinese il classe ’97 potrebbe debuttare anche in Champions League e su di lui ci sono ormai gli occhi di tutti, dai tifosi ai tecnici: “Sono stato a Verona a vedere la partita, ci siamo incontrati con il ragazzo sistematicamente, domani vado a Monaco a vedere il Bayern contro il Besiktas e poi andrò a vedere la Roma per seguire Under che potrebbe fare il suo esordio. Sono scelte di Di francesco, ma il ragazzo è cresciuto molto, e si è visto in queste ultime partite in cui ha fatto quattro gol”. A parlare è Carlo Nicolini, vice ct della Turchia guidata da Mircea Lucescu. “Grandi meriti alla società e all’allenatore, che ha saputo aspettare, ne ha visto il valore, la professionalità in allenamento, ma è stato bravo a centellinarlo all’inizio ma a dargli sempre fiducia ma attendere il giusto tempo”, continua Nicolini a Adnkronos.

Una prima parte di stagione un po’ in ombra per l’ex Basaksehir, ma propedeutica all’exploit delle ultime settimane: “Passare a 20 anni nel campionato italiano, che è tatticamente il più difficile, non è semplice. Ci ha messo tanto impegno, anche noi abbiamo cercato di aiutarlo, nei momenti di scoramento che ha avuto ad ottobre e novembre, non capendo la lingua. Ha lavorato tanto a livello tattico che è il punto debole dei giocatori turchi. Complimenti a Di Francesco che ora ne sta raccogliendo i frutti. Il ragazzo sta bene, noi speriamo che giochi contro lo Shakhtar perché è uno step in più di crescita e di esperienza. La Roma ha bisogno che Under continui a crescere e con la concorrenza alta con Perotti, El Shaarawy e gli altri, il beneficio ce l’ha la squadra”.

Nicolini prosegue: “La miglior partita l’ha fatta, secondo me, con la Sampdoria, l’ha giocata molto bene ma gli episodi non sono andati bene, c’è stata un po’ di sfortuna. Ora gli sta girando tutto bene ma il valore del ragazzo non si discute. Noi puntiamo molto su di lui per farne un leader insieme ad altri giovani per rifondare la nazionale turca. Il ragazzo ha queste qualità di umiltà e professionalità. Lui punta la porta, sia con il tiro sia buttandosi dentro ed ha creato questa sorpresa, segnando quattro gol consecutivi. In nazionale puntiamo molto su 4-5 giovani e c’è sicuramente anche lui. In Italia non è facile, ci sono campioni affermati. Lui è ben voluto dai compagni, è umile e professionale. Se potrà diventare un leader? Se avrà personalità e carisma lo vedremo nel tempo, le qualità tecniche e morali ci sono”.

Molto starà anche all’attuale tecnico della Roma: “Ritengo Di Francesco uno dei migliori allenatori per gestire questa situazione. Credo lo possa far crescere molto ancora dal punto di vista tattico e di personalità e lo stesso faremo noi qui in Turchia, se c’è un allenatore bravissimo con i giovani, quello è Lucescu. A livello calcistico ha formato tanti giocatori che le top squadre del continente cercano da Fred a Fernandinho a Douglas Costa. Douglas è molto più maturo di Under ma è arrivato in nuova squadra piena di campioni, e ci è voluto un attimo di adattamento. Di qualità ne ha tante, ha come Under la capacità di saltare l’uomo, anche se è più un assistman che un goleador e sta trovando il suo spazio alla Juventus”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy