Nicchi: “Ok ad arbitri stranieri per alcune partite”

di Redazione, @forzaroma

«Per gli arbitri è stata una stagione positiva in tutte le categorie. Siamo inoltre orgogliosi di non trovarci in mezzo a situazioni che già poco tempo fa hanno fatto soffrire a noi e a tutto il sistema». Marcello Nicchi

, presidente dell’Associazione italiana arbitri (Aia),
traccia un bilancio positivo della stagione delle ‘giacchette nerè. «Gli arbitri sono stati encomiabili anche in ambiti come quello dilettantistico. Abbiamo dato il servizio migliore possibile e siamo orgogliosi di non trovarci in mezzo a situazioni che hanno fatto soffrire a noi e a tutto il sistema», ha aggiunto. «Stiamo lavorando per il futuro e mai come ora c’è bisogno di regole e di cultura: da quando mi sono insediato questo è il punto principale del nostro lavoro. La classe arbitrale è nuova, libera, terza e trasparente e questo deve inorgoglire tutte le società, non solo quelle di serie A». «Ora -ha proseguito Nicchi- è giunto un momento importante, chi va in campo deve dare l’esempio e voglio ringraziare calciatori e allenatori perchè ci sanno apprezzare e accogliere in tutti i campi con grande rispetto, lo stesso che portiamo noi a tutti». «Sento parlare di soldi e di percentuali, a noi non ci interessa», ha sottolineato. «Tutto il mondo del calcio ci sta guardando, gli esempi che diamo in alto si ripercuotono in basso e noi paghiamo con la violenza: questo non è piu accettabile. Invito tutti a ritrovare la necessaria serenità».

(Adnkronos)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy