Nainggolan: “Pareggio ottimo risultato. Dzeko? Ha messo peso in attacco”

Le parole del centrocampista giallorosso al termine del match tra Roma e Inter

di Redazione, @forzaroma

Al termine del match pareggiato per 1 a 1 tra Roma e Inter, è intervenuto ai microfoni dei giornalisti il centrocampista giallorosso, Radja Nainggolan.

NAINGGOLAN A SKY

Quanto c’entra la qualità dell’Inter e quanto la minor brillantezza della Roma?
Oggi meno gioco ma l’Inter ha una grande difesa e in questa partita erano molto coperti in mezzo al campo. Ma penso che dopo l’1-0 che tra l’altro era la loro vera prima occasione abbiamo reagito da grande squadra perchè dopo avevamo avuto alcune circostanze per poter segnare.

Ormai ti sei abituato a segnare questi gol così da terra.
Ho visto la palla lì e Miranda che stava per calciarlo. In scivolata l’ho presa prima di lui, ci ho creduto e è andata bene. Negli ultimi minuti abbiamo provato a schiacciarli ma non ci siamo riusciti, eravamo anche un po’ stanchi forse.

Come è il morale di Dzeko?
Ha messo peso in attacco, l’abbiamo servito tanto, lui vuole giocare. Il mister ci fa capire che siamo tutti importanti, anche chi entra dalla panchina. Sono momenti importanti per la squadra, Dzeko è entrato con lo spirito giusto e ha aperto qualche varco in più per noi che arriviamo da dietro.

Il gol è frutto di un’azione manovrata.
L’importante è sempre crederci. E’ uno spirito che quando vai in vantaggio trovi prima ma anche oggi. Abbiamo avuto occasioni con Dzeko e Salah, abbiamo creduto in ciò che cercavamo. Quindi penso che il pareggio è un ottimo risultato.

NAINGGOLAN A PREMIUM

Una Roma che inizia a far fatica?
Penso che abbiamo iniziato bene, abbiamo messo subito pressione, poi l’Inter ha una buona difesa, hanno vinto tante partite con l’1-0. Oggi alla loro prima occasione abbiamo preso gol, e sapevamo che diventava difficile. Dopo il loro vantaggio abbiamo avuto due occasioni non sfruttate. Poi è venuto fuori questo mezzo tiro che ha portato al pareggio. Comunque risultato positivo, che è importante per noi.

Dzeko?
Sa di essere importante per noi, lo sappiamo tutti. Magari si aspettava di giocare, ultimamente stava facendo gol, ma le scelte le fa il mister. Spalletti ci aveva fatto l’esempio di Pjanic a Carpi e Udine, visto che è entrato e ha fatto la differenza partendo dalla panchina. Sono cose importanti per tutte la squadra, comunque è entrato bene. Ha fatto il colpo di testa, ha tirato alto, ma significa che la sua presenza c’era. Ha creato per noi dei varchi di inserimento. Penso che ha dimostrato la sua potenza oggi.

Si rifarà al derby?
Penso che sta lavorando sereno, contiamo tutti su di lui così come lui conta su di noi. La cosa più importante è questa, la squadra.

Dialogo con Spalletti alla fine del match?
Era venuto da me, mi ha detto che dovevo stare più tranquillo con l’ultimo tiro. Gli ho risposto che credevo che mancassero pochi secondi e ci ho provato. Poi basta. Lui c’ha sempre questo sguardo incazzato. Non mi ha detto niente di cattivo, questo va già bene.

Cosa ha portato Spalletti?
Ti rispondo solo che se oggi perdevamo ci dicevano che eravamo stanchi. Quando sei in vantaggio la forza mentale ti arriva, oggi dovevamo recuperare e abbiamo avuto l’atteggiamento giusto.

L’esultanza di Spalletti?
Ha la mentalità del vincente, no? (ride, ndg)

La tua nuova posizione?
Mi trovo bene come mezzala, se parli di divertimento ti dico anche che mi piace fare il trequartista. Ma la mia qualità migliore è recuperare palla quindi dico mezzala. Cerco sempre di dare il mio contributo per i miei compagni e per la squadra, l’ho sempre fatto. Cerco di dare sempre il massimo, in che ruolo gioco non è importante. Quello che conta è giocare e aiutare in campo la squadra.

NAINGGOLAN A ROMA TV

Che pareggio è stato?
Dopo l’1-0 mancava poco, penso che possiamo dire sia buono, Inter sotto di 5. Però bisognava segnare prima, abbiamo avuto alcune occasioni non sfruttate. Importante anche che abbiamo creato, reazione c’è stata, e dopo il pari abbiamo spinto. Oggi cosa più importante la reazione.

All’andata a senso unico, oggi cosa simile.
L’Inter ha una buona difesa, hanno vinto tanto 1-0, vuol dire che se difendi e fai un gol vinci così. Hanno una grande difesa. In altre partite però noi abbiamo segnato di più, gol preso per nostra distrazione, ma da sottolineare la reazione.

A fine partita sei uscito arrabbiatissimo. Con chi?
Non ero arrabbiato, Spalletti c’ha sempre questa cattiveria del vincente e dopo l’1-1 ho provato a tirare al volo, ma per lui dovevo stopparla di più e non tirare quando c’ho provato. Lui mi ha detto di tenerla, ma non è successo niente eravamo tranquilli. Io pensavo che stesse finendo in quel momento.

Sabatini ha parlato di rivoluzione culturale, anche Florenzi in settimana. È così?
Sicuramente Spalletti conosce l’ambiente ed è a suo favore. Lavoriamo tanto, il lavoro paga. Lui sin dal primo giorno ci ha spiegato le aspettative e il suo gioco, noi proviamo a metterlo in campo. Oggi non nostra migliore gara ma la cosa importante è che abbiamo reagito. Abbiamo avuto tante occasioni, siamo sulla giusta strada, lavoriamo tanto e ci crediamo in ciò che possiamo fare.

NAINGGOLAN IN ZONA MISTA

Noi abbiamo avuto più occasioni di loro e non le abbiamo sfruttate. Loro alla prima occasione hanno fatto gol. Forse era quella la differenza oggi. Qualitativamente forse non la nostra migliore partita ma siamo superiori.

C’è rammarico quindi?
Sì, penso che i tre punti ci stavano

Cosa vi ha messo più in difficoltà dell’Inter?
La loro difesa. Siamo arrivati molto spesso lì, anche in passato hanno dimostrato di avere una grande difesa vincendo le partite 1-0. Pazienza, questo è il calcio, noi siamo più offensivi, loro vincono così le partite.

Roma offensiva ma cosa succede a Dzeko?
Oggi è entrato bene. Lavora bene e oggi abbiamo fatto molti inserimenti.

Che ti ha detto Spalletti alla fine?
Mi ha detto solo che nell’ultima azione dovevo stare più tranquillo. L’arbitro mi ha detto che mancava poso tempo e

Difesa del terzo posto è l’obiettivo?
Sì quindi alla fine il pareggio è andato bene perchè abbiamo lasciato l’Inter a 5 punti e anche se la Fiorentina vince resta dietro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy