Monchi: “Barça favorito, ma seguendo Di Francesco potremo andare in semifinale”

Il ds alla vigilia della sfida di Champions: “Quando gioco questa partita nei miei sogni, vedo spazi, difetti e opportunità di gol, ma so che non sarà facile. Eusebio era il profilo di tecnico che stavamo cercando, sta rispettando le aspettative”

di Melania Giovannetti, @MelaniaGvn

Meno uno al big match di andata dei quarti di finale di Champions League tra Barcellona e Roma. A poco più di 24 ore dal fischio d’inizio della gara del Camp Nou, in programma domani sera alle 20.45, il direttore giallorosso Monchi torna a parlare ai media spagnoli. Oggi è il turno di “El Periodico“, “L’Esportiu” e “La Vanguardia“.

Ecco l’intervista di Monchi a “El Periodico”:

In un quarto di finale di Champions League contro il Barcellona, per una squadra come la Roma è impossibile schivare le pallottole?
Ovviamente è più facile per le big. Quando si arriva ai quarti, non ci sono avversari facili. E, attenzione, questo vale anche per il Barcellona. Però non possiamo chiudere gli occhi davanti all’evidenza, ci sono squadre più favorite di altre: Barcellona, Real Madrid, Manchester City e Bayern Monaco per citarne 4.

Perché vede il Barcellona così favorito?
Per gli stessi motivi che vedono tutti, no? Per il calcio che fanno, per la loro storia, per le vittorie, la tradizione, l’esperienza, l’obiettivo e la necessità che hanno, perché sono stati costruiti per vincere la Champions ogni anno.

A questa domanda molti, tra cui Guardiola, rispondono sempre: “Perché hanno Messi, che è il migliore”.
Magari il Barcellona fosse soltanto Messi! Magari tutte le nostre preoccupazioni arrivassero soltanto da lui! Guarda, Messi è certamente il migliore. Come ha fatto l’altro giorno a Siviglia, è in grado di risolvere una gara in appena 60 secondi, ma per me è soltanto una parte molto importante dei successi del Barcellona. Il Barcellona è sempre stato un club immenso, che gioca un calcio fantastico con giocatori che, con o senza Messi, formano un blocco impressionante.

È evidente che lei abbia analizzato il gioco del Barcellona per anni. Oltre a Messi, chi le piace?
Oltre a Messi, che è meraviglioso, adoro il nuovo equilibrio che fa vedere il Barcellona sul campo. È migliorato tantissimo nella transizione difesa-attacco. Mi piace, e molto, come si sono adattati al nuovo sistema, un tradizionale 4-4-2. E a livello individuale mi piacciono tutti, o quasi tutti. Mi piacciono i due centrali, mi piace la capacità di recupero di Umtiti, l’uscita del pallone di Piqué, l’abilità di Rakitic, l’equilibrio che dà Busquets e la sua saggezza, il lavoro di Suarez e i suoi gol. Non c’è bisogno che parli ancora di Messi, vero?

Crede che Ernesto Valverde abbia portato al Barcellona qualità che prima non aveva?
Non ha dato nulla che non aveva, ma ha dato qualcosa di diverso. Né migliore, né peggiore, ma diverso. E i risultati dimostrano che questo qualcosa funziona. E molto bene.

È evidente che lei, il tecnico e i calciatori della Roma credete di poter eliminare il Barcellona.
Tutti gli sportivi pensano di poter superare qualsiasi sfida, si preparano per questo. E molto. Non ci sono squadre invincibili e questo lo sanno tutti, anche il Barcellona, anche se in questa stagione hanno perso soltanto 3 partite delle 48 che hanno giocato. Ma io, quando gioco questa partita nei miei sogni, vedo spazi, difetti, opportunità di gol. Vedo tutto questo guidato dalla speranza ma, ovviamente, quando mi sveglio, so che non sarà facile.

Che Barcellona si aspetta mercoledì? Crede che andrà subito all’attacco per chiudere il discorso qualificazione nella prima gara al Camp Nou?
No, non credo. Penso che all’inizio saranno cauti. Non vorranno farci segnare un gol o due, perché sarebbe dura. Vedo ovviamente un Barcellona dominante e una Roma che proverà a mettere pressione ai blaugrana, provando a verticalizzare quando recupereremo il pallone.

Crede che Di Francesco abbia preparato una marcatura speciale su Messi?
Non ne ho davvero idea. Parlerò con il mister durante il viaggio di domani (oggi, ndr). Non credo che faremo qualcosa di speciale su Messi, però ripeto: non so ancora nulla.

Vedremo qualcosa della Roma del futuro, della sua Roma, al Camp Nou?
Vedremo una squadra che ha molta voglia di essere protagonista, di competere, di piacere, di lottare, di non mollare, di fare il suo calcio, ma queste non sono caratteristiche della Roma di Monchi, ma della Roma di sempre. La Roma che vogliamo per il futuro non sarà facile da costruire e mantenere. È un club, una squadra, un’idea che ci permette di stare sempre vicino al successo in alcune occasioni e/o competizioni, di andare all’assalto. Al momento questo mi rende orgoglioso, ho il supporto della società e la fiducia dello staff tecnico e dei giocatori per poterlo fare o, almeno, provare a farlo.

Non ha la sensazione che il calcio sia diventato pazzo?
Beh, io direi più che lo è diventato il mercato, non il calcio.

Sì, è vero, mi perdoni, che il mercato sia impazzito.
Sì, sì, dopo Neymar il mercato è impazzito e non ha più senso.

Si riferisce a quando l’ha comprato il Barcellona o quando l’ha acquistato il PSG?
Mi riferisco ai 222 milioni pagati dal PSG al Barcellona. A partire da quel giorno, il mercato è impazzito e si chiedono vere e proprie fortune per calciatori minori.

È chiaro che questo sia un problema serio per chi, come lei, sta provando a ricostruire la rosa della Roma per portarla più in alto.
Beh, sì, chiaramente questo ci colpisce, ma la follia colpisce anche i club milionari, anche se in misura minore. Ma credo che tutto questo prima poi passerà e tutto tornerà alla normalità. O almeno mi piace pensarla così, spero di non sbagliarmi.

 

Ecco l’intervista di Monchi a “L’Esportiu”:

Come vede la doppia sfida contro il Barcellona?
Molto complicata. Il Barcellona è chiaramente favorito, per il suo calcio e la sua storia, ma la Roma ha il potenziale per poter competere con qualsiasi squadra, Barcellona incluso. Se sfrutteremo le occasioni che avremo e seguiremo i dettami di Di Francesco, avremo la possibilità di andare in semifinale.

Crede che la Roma sia sottovalutata?
È impossibile conoscere l’opinione di tutti, quindi trarre questa conclusione vorrebbe dire generalizzare. Il tecnico e i calciatori del Barcellona ci rispettano.

Come dovrebbe giocare la Roma per creare problemi al Barcellona?
La chiave sarà quella di giocare senza perdere la nostra essenza. La Roma è una squadra che pressa molto alta, con una difesa avanzata e delle linee molto strette. Conosciamo le qualità del Barcellona e proveremo ovviamente a contrastarle, ma soprattutto dobbiamo essere noi stessi, dobbiamo seguire la nostra filosofia.

Cosa ne pensa del Barcellona di Valverde?
Ha uno stile diverso, che non considero né migliore né peggiore. Il livello di eccellenza è rimasto intatto con Valverde, e in questo lui ha molto merito. In campionato non ha perso una sola gara, nella Coppa del Re è arrivato alla fine ed è ai quarti di Champions. È il massimo che ci si potesse aspettare a questo punto della stagione.

Pensa che il Barça abbia guadagnato forza in difesa diventando però meno vistoso?
Forse sì. Ora il Barcellona ha più equilibrio tra attacco e difesa, è più solido.

Ha vissuto tutta l’evoluzione di Messi. Crede che l’argentino sia al suo meglio?
Sembra incredibile, ma sì, penso sia così. A parte la sua grande capacità di giocare a calcio, è maturato molto, e questo gli permette di scegliere cosa fare in ogni momento della gara. È in un bel momento. È un piacere vederlo giocare, e siamo fortunati a vivere la sua epoca.

Neymar è passato al PSG per 222 milioni: cosa ha pensato quel giorno?
In quel momento non ho analizzato molto cosa potesse significare quel trasferimento, ma è chiaro che nel mondo del calcio ci sia un prima e un dopo. Ci sono state cessioni molto alte da allora, come quelle di Dembélé, Coutinho, Van Dick… Il Barcellona è stato bravo a contrastare la partenza di un giocatore importantissimo, uno dei tre migliori al mondo, senza farlo notare nei risultati.

Conosce bene il calcio francese. Pensa che Dembélé possa far bene a Barcellona?
Penso di sì, ci sono tutte le condizioni per far bene. Ora ha solo bisogno di tempo. È un giocatore giovane arrivato al Barcellona dopo un trasferimento molto costoso, poi si è fatto male al suo esordio. Questo lo penalizza molto, ma se saranno pazienti con lui, potrà esplodere in qualsiasi momento.

Un buon esempio può essere Under.
Sì, è un caso simile. Lo conoscevamo molto bene ed eravamo convinti che fosse un calciatore in grado di fare grandi cose nel calcio importante. L’unico dubbio era sul suo adattamento, visto che è un giocatore giovane che non aveva mai lasciato la Turchia. Di Francesco l’ha capito e gli ha dato tempo, ecco perché ha giocato poco nella prima parte di stagione. Alla fine sono venute fuori le sue qualità. È un peccato che, per un piccolo infortunio, Under non possa giocare al Camp Nou.

Quando ha deciso di lasciare Siviglia, credevo che potesse firmare per qualsiasi club al mondo. Perché ha scelto la Roma?
È stata una decisione matura e pensata. Ero contento di poter fare un’esperienza in Italia, un calcio che non conoscevo molto, e volevo lavorare in un club dove potessi avere la stessa libertà che avevo a Siviglia. Me lo hanno promesso e lo stanno facendo, quindi sono felice.

Il calcio italiano sta rispettando le aspettative che si era fatto quando è arrivato a Roma?
Sì. Il campionato italiano è molto competitivo. Ora sta acquistando anche diverse qualità individuali e ci sono buoni allenatori. Si sta rinforzando.

Ha dovuto adattarsi?
Sì, più di quanto mi aspettassi, visto che è stato tutto molto veloce. Dopo aver lavorato tutta la mia vita a Siviglia, anche io sono dovuto cambiare, c’erano cose del Monchi di Siviglia che non servono a Roma e viceversa. Ho dovuto conoscermi meglio. Ho deciso di lasciare la mia comfort zone e crescere professionalmente, ed è per questo che sono contento di come le cose stanno andando in questa nuova esperienza.

C’è mai stata la possibilità di diventare il ds del Barcellona?
È una canzone che mi accompagnerà per sempre, ma la verità è che non ho mai avuto contatti con il Barcellona. Solo voci e indiscrezioni.

È più difficile acquistare giocatori da ds della Roma o del Siviglia?
Acquistare giocatori è sempre complicato, ma la verità è che a Roma c’è una pressione maggiore rispetto a Siviglia. È un club molto grande che ha tradizione in Italia, perciò tutto quello che succede a Roma ha una grande ripercussione mediatica. In più, non vince nulla da anni. Arrivare dove vogliamo, comunque, ha bisogno di tempo, e il club lo capisce.

Una delle prime decisioni che ha preso è stato scegliere Di Francesco come allenatore. Non sarebbe stato più facile prendere un veterano per iniziare?
Non ci abbiamo pensato molto, era il profilo che stavamo cercando. È un tecnico calmo, che prende decisioni con tutta la naturalezza del mondo. Inoltre conosce il club perfettamente, avendo giocato qui per 4 anni in cui ha anche vinto uno scudetto. Sta soddisfacendo le nostre aspettative iniziali.

 

Ecco l’intervista di Monchi a “La Vanguardia”:

Erano 10 anni che la Roma non arrivava ai quarti di finale di Champions. Il club e la città come la stanno vivendo?
Era qualcosa di cui il club aveva bisogno, soprattutto per dimostrare che abbiamo ambizioni. Quando il sorteggio dei gironi ci ha dato Atletico Madrid e Chelsea, c’era un po’ di paura e di pessimismo. Eppure siamo riusciti a passare da primi del girone, e ora siamo tra le migliori 8 d’Europa. Questa sfida ha alzato le aspettative. Si respira illusione e speranza, nonostante prevalga il rispetto perché affronteremo una delle 3 squadre più forti del mondo, se non la migliore. Chiaramente sono i favoriti per la vittoria finale della Champions League, perciò sappiamo che sarà una sfida difficile ma non impossibile.

Nel 2008 la Roma ha eliminato il Real agli ottavi contro ogni pronostico. Cosa deve fare la Roma per fare bene e provare a passare contro un avversario difficile come il Barça?
Tutto. Tutto quello che faremo dovrà essere vicino all’eccellenza, alla perfezione, in molti aspetti, sia a livello difensivo che offensivo. Quando dovremo difendere dovremo cercare di far avvicinare il Barcellona il meno possibile perché è una squadra che ha un’alta percentuale di riuscita. Quando attaccheremo, dovremo essere molto precisi. Sarà fondamentale essere al massimo in entrambe le fasi.

Nonostante l’euforia che si respira a Barcellona dal sorteggio, non tutti conoscono da vicino la Roma. Coma la definirebbe come squadra?
Siamo una squadra abbastanza equilibrata. Proviamo a giocare con le linee molto corte e abbastanza avanzate, pressando per mettere in difficoltà l’avversario. Qualcuno potrà esserne sorpreso, ma il calcio italiano è cambiato molto negli ultimi anni. Non è solo catenaccio. Ora ci sono club e allenatori che fanno un calcio molto offensivo che si basa sul possesso della Roma. Squadre come Roma, Napoli, Sampdoria e Inter hanno rotto col calcio ultradifensivo. Non esiste più questo cliché.

Con o senza catenaccio, è difficile fermare Messi.
Non è facile farlo, soprattutto in questa stagione. È un giocatore che non può essere fermato, con una capacità di segnare eccellente e con un repertorio immenso di soluzioni tecniche. Però non possiamo concentrarci solo su Messi, il Barcellona è molto di più. Ci sono Rakitic, Suarez, Dembelé, Iniesta… sbaglieremmo se ci concentrassimo solo su Messi,

Parlando di idoli e leggende, qualche giorno fa ha paragonato Totti a un supereroe. Qual è esattamente il suo ruolo da quando si è ritirato?
Il paragone con un supereroe è per far capire che Francesco è un asset che il club ha e che dobbiamo sfruttare al massimo. Ha la capacità di trasmettere i valori più importanti della società. Io devo lavorare su molti fronti, per questo ora lavoriamo insieme nella gestione dello spogliatoio. È una persona molto vicina alla squadra perché la maggior parte di loro è stato suo compagno. Capisce bene le regole che ci sono lì dentro e ha anche un rapporto fantastico con Di Francesco, con cui ha giocato nella Roma. È in contatto constante con loro per trasmettere idee e anche per ascoltare i giocatori nel caso in cui ci fossero dei problemi.

È stato difficile dirgli che era arrivata la sua ora?
Abbastanza (ride, ndr). Tenete presente che è successo una settimana dopo il mio arrivo a Roma. È stata la prima grande decisione che ho dovuto prendere. Qualcuno doveva affrontarlo e io l’ho presa come parte del mio lavoro. Gliel’ho detto faccia a faccia e fortunatamente Francesco ha capito. Ha apprezzato la mia chiarezza e il fatto che lo stessi facendolo guardandolo negli occhi. Sono felice di lavorare al suo fianco ora.

Era a Siviglia e ha avuto diverse offerte importanti. Perché ha scelto la Roma?
Pensavo che fosse un club dove potevo continuare a lavorare come facevo a Siviglia. Non volevo rinunciare a questa cosa, e ora sto trovando quello che mi aspettavo. Mi sento supportato e l’economia del club funziona, visto che la pianificazione della rosa non sarà alterata dalla costruzione del nuovo stadio.

Il tifo romanista è noto per essere molto esigente nonostante non si vincano titoli abitualmente.
La Roma ha una tifoseria appassionata, che si muove sempre per sostenere la squadra. Certamente è esigente, ma questa è una caratteristica di tutte le squadre importante. Per crescere bisogna essere ambiziosi.

Questo cambio d’aria cosa le ha portato?
È stata un’opportunità importante per crescere personalmente, lavorare fuori dalla propria comfort zone ti fa migliorare sotto molti aspetti. A livello professionale è un’esperienza molto positiva. Non ho paura della sfida, è stato un passo molto importante. Ho la fiducia del presidente e gli dimostrerò che fa bene ad averla. Da qui, nessuno si mette più pressione o è più esigente di come sono io con me stesso.

Totti ha lasciato un vuoto, però la Roma ha diversi calciatori importanti al momento. Due di questi sono Alisson e Under, accostati recentemente a Real Madrid e Barcellona.
Nel caso di Under, la stampa turca mi ha chiesto di un possibile interesse del Barcellona, ma questo risale a quando abbiamo chiuso il suo passaggio a Roma. Le persone con cui ho trattato durante l’operazione mi parlarono di un possibile interessamento del Barça. Però credo che sia normale, immagino che i blaugrana seguano diversi giocatori. Per quanto riguarda Alisson, è la tipica cantilena del mercato. Non ci è arrivata alcuna offerta. Vogliamo godercelo provando a non parlare ogni giorno del fatto se andrà via o meno, ma del fatto che è il portiere della Roma, che fa bene e che è importante per la squadra.

Come si sostiene il progetto di una squadra come la Roma con la bolla esistente nel mercato attuale dei trasferimenti? Come si può essere competitivi?
Con la massima sintonia al momento dell’acquisto. Cercando di non sbagliare, lavorando molto con la nostra rete di scouting. È evidente che non abbiamo il potenziale delle altre squadre, quindi è imprenscindibile fare un buon lavoro. Spesso ci sono giocatori sui quali gli altri non arrivano o che non hanno visto a sufficienza. È li che dobbiamo avanzare per comprare giocatori che riteniamo abbiano un livello coerente con la squadra.

E per poi tenerli?
È vero che questa stagione abbiamo perso un uomo molto importante come Salah, però sono rimasti Manolas, Strootman, Nainggolan, Dzeko… e questo deve essere sottolineato. La Roma, come tutte le squadre, sa che il mercato cambia e deve essere preparata per affrontarlo. Però non solo si deve tener conto di quelli che vanno via, ma anche di quelli che restano. Questo significa che il progetto li convince.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy